Domani, sabato 12 ottobre, il Comune di Lecco sarà in piazza con “Io non rischio”, nell’ambito della Campagna nazionale per le buone pratiche di Protezione Civile.

Protezione civile in piazza XX Settembre

In piazza XX Settembre sarà possibile vedere da vicino e toccare con mano cosa succede quando si innesca una frana e incontra un fiume in piena, gli effetti sull’abitato e le misure di protezione possibili. Il tutto verrà rappresentato con un realistico modello in scala, realizzato dal Polo lecchese del Politecnico di Milano, che rappresenta una realtà delle nostre valli montane.

Testimonial il sindaco di Dervio

Presso il punto informativo, allestito in piazza XX Settembre dalle 11, sarà possibile ascoltare la testimonianza del sindaco di Dervio, Stefano Cassinelli, testimone ed attore in prima persona durante gli ultimi eventi alluvionali di giugno. I volontari del Gruppo di Protezione Civile Comunale distribuiranno materiale informativo ai cittadini e forniranno ulteriori informazioni sui comportamenti da attuare per l’autoprotezione dal rischio alluvionale.

Settimana nazionale della Protezione civile

Inoltre, da domenica 13 a sabato 19 ottobre, si terrà in tutta Italia la 1^ Settimana nazionale della Protezione Civile: eventi ed iniziative in ogni città, con le quali i cittadini potranno conoscere meglio i rischi presenti sul territorio, i comportamenti di autoprotezione da attuare coadiuvati dal locale servizio di Protezione Civile.

Leggi anche:  Liste d'attesa troppo lunghe, Gallera a De Capitani: "Emergenza nazionale ma stiamo facendo il possibile"

“La scuola trema”

In concomitanza  prenderà il via l’iniziativa, promossa dal Comune di Lecco e prevista dal Piano biennale integrato per il diritto allo studio, “La scuola trema”, che coinvolgerà le scuole dell’Istituto comprensivo Lecco 2, consentendo ai ragazzi di apprendere i principali comportamenti di autoprotezione da mettere in atto in caso di terremoto che si dovesse verificare mentre sono in aula. L’ufficio Protezione Civile, con i volontari del Gruppo comunale di Protezione Civile si alterneranno nelle classi e, con un linguaggio semplice e divertente, forniranno ai ragazzi le informazioni necessarie per affrontare la prima emergenza. Questi comportamenti verranno poi testati durante un’esercitazione a sorpresa, programmata per la fine del mese, nella quale gli studenti dovranno mettere in atto le procedure di autoprotezione sia in classe, sia nel tragitto dalla scuola ai punti di raccolta, sia nel punto di raccolta.

“La tutela della sicurezza dei cittadini passa anche da un’azione di informazione e dalla conoscenza dei comportamenti da mettere in atto in caso di emergenza – commenta il vicesindaco con delega alla protezione civile Francesca Bonacina – In questa direzione vanno le tante iniziative proposte in queste settimane e nei prossimi giorni, con un occhio di riguardo nei confronti delle nuove generazioni”.