L’influenza sta “falcidiando” i lecchesi. La severità dei casi clinici quest’anno è stata un po’ inferiore. Questo  probabilmente perché ancora non abbiamo dovuto cimentarci con il picco di virosi, che puroppo però è dietro l’angolo. E’ infatti atteso per metà mese.

Influenza a Lecco, Asst in campo

L’Asst di Lecco, per far fronte al sovraffollamento previsto negli ospedali di Lecco e Merate ha messo in atto un piano di contenimento dell’emergenza. L’aggiunta di posti letto al Manzoni (30) e al Mandic (12) oltre al richiamo di personale in servizio sta evitando il cortocircuito.

 

Accessi al pronto soccorso in netto aumento

L’afflusso ai due  Pronto Soccorso di Lecco e Merate è stato quindi  alto in tutto il periodo delle feste. A Lecco, la media degli accessi giornalieri al Pronto Soccorso nel periodo che va dal 24 dicembre al 4 gennaio ha toccato quota 211 utenti. Ciò a fronte di una media annua ferma a 187 pazienti al giorno.

Il caso Merate

Un numero di accessi fuori dalla norma ha riguardato il Pronto Soccorso di Merate negli ultimi giorni dell’anno e la situazione è stata gestita con efficacia grazie alle misure adottate. Qui, la media di accessi giornalieri dalla Vigilia di Natale al 4 gennaio ha toccato quota 118 utenti, a fronte di una media giornaliera distribuita sull’intero anno ferma a 92.

Leggi anche:  Danni maltempo: da Lombardia chiesti 2017 milioni di euro, 7 a Lecco

 Regione Lombardia

Anche la Regione Lombardia è scesa in campo mettendo  in atto alcune iniziative che coinvolgono i medici di Medicina generale e le Asst. Qui tutti i particolari.

 

Il servizio completo  con i dati e le interviste sui Giornali di Lecco e Merate in edicola da lunedì 8 e martedì 9 gennaio.