Si è svolta mercoledì sera in Comune una riunione con i familiari degli ospiti della R.S.A., presenti circa in una quarantina: l’iniziativa è partita dalla richiesta di incontro formulata da alcuni parenti con una lettera riservata al Sindaco, pervenuta lo scorso 2 luglio; il Sindaco, accogliendo la richiesta, ha ritenuto opportuno estendere l’incontro ai parenti di tutti gli ospiti dell’Opera Pia Magistris. Presenti alla riunione, oltre al Sindaco Rusconi, l’Assessore ai Servizi Sociali Bosisio, il responsabile della struttura Fumagalli, il medico responsabile dr.ssa Vara e la coordinatrice socio sanitaria, Rusconi.

Opera Pia Magistris: incontro in Comune dopo la polemica sulla mancanza di aria condizionata in casa di riposo

Dopo l’introduzione del Sindaco, il dibattito si è focalizzato sulle criticità relative alla struttura e, in particolare, la mancanza dell’impianto di condizionamento al piano terra, al secondo piano e in parte del terzo; successivamente i parenti hanno formulato osservazioni e posto domande ai responsabili della struttura in merito al regime dietetico applicato agli ospiti e ad alcune prassi assistenziali poste in essere.
Nella propria replica, il Sindaco ha ricordato gli ingenti investimenti sostenuti negli ultimi anni dall’Amministrazione comunale per la RSA per garantire le dotazioni obbligatorie previste da Regione Lombardia e ATS, che hanno avuto necessariamente la priorità rispetto ad altri, tra cui il completamento dell’impianto di condizionamento in tutta la struttura. Il Sindaco ha ritenuto opportuno spiegare come il Comune di Valmadrera dispone di un notevole avanzo di bilancio (dai 7 agli 8 milioni di euro), ma che purtroppo ha potuto sbloccare, nel corso degli anni, solo parte di queste risorse per interventi ben definiti a livello normativo quali, ad esempio, la messa in sicurezza degli edifici scolastici.

Leggi anche:  Valmadrera celebra il 4 novembre, Rusconi: "Si può credere ancora nella pace?"

Il progetto del Comune

Il Sindaco ha sottolineato poi come, già la precedente amministrazione avesse presente il problema tanto che, nel mese di febbraio 2019, ha accolto la proposta AEVV Impianti per uno studio di progettazione e realizzazione di interventi finalizzati all’efficientamento energetico di tutto l’immobile oltre che alla installazione di nuove unità dedicate alla climatizzazione estiva delle aree oggi non servite da condizionamento.
Il Sindaco ha garantito che per ridurre il più possibile i tempi di realizzazione delle opere, in attesa di tale studio, che potrebbe richiedere tempi non in linea coi bisogni dell’utenza, pochi giorni dopo la nomina della nuova Amministrazione sono state destinate opportune risorse (90.000 euro) per finanziare un progetto a carico del Comune, per completare il condizionamento della struttura; a questa prima cifra verranno presto aggiunti ulteriori fondi per circa 100.000 euro.

Gli investimenti

Per quanto riguarda la sostituzione degli arredi del 1° piano, è stato già stanziata la cifra di 45.000 euro ed è già stato predisposto il capitolato di gara; l’obiettivo è quello di procedere all’aggiudicazione e alla successiva fornitura entro gli ultimi mesi dell’anno.
Infine, il Sindaco ha ricordato che è stato avviato lo studio per valutare nuove forme gestionali volte a rendere più snello ed autonomo il funzionamento della RSA; la nuova Amministrazione approfondirà gli studi fatti, che hanno già portato ad individuare nella fondazione la forma gestionale più opportuna, impegnandosi ad informare tutti gli interessati circa gli sviluppi nel corso di un incontro da programmare prima di Natale.