Si respira aria di primavera ma è solo un’illusione. Nel weekend ripiomberemo nel gelo artico. Le previsioni meteorologiche ci riportano purtroppo alla realtà di un inverno che ancora perdura.

Sembra primavera ma è l’anticiclone

Col tepore di queste giornate di inizio settimana, qualcuno aveva sperato di poter sostituire il cappotto con un piumino leggero. “Merito di un potente quanto vasto anticiclone subtropicale che ingloba da giorni gran parte d’Europa e in particolare gli Stati centro-occidentali, dove di fatto l’Inverno si è improvvisamente assopito” spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara. “Per questo si è respirata e tuttora si respira aria decisamente primaverile, con temperature davvero anomale per il periodo dalla Spagna alla Germania. In Francia si sono superati picchi di 20°C nei giorni scorsi. E anche nei prossimi giorni l’anticiclone sarà dominante e anzi ancora più potente, con temperature sopra la media, fin oltre i 10-12°C nelle Isole Britanniche, bassa Norvegia, Stati europei centro-occidentali”.

Tempo stabile e secco, emergenza smog

Anche la nostra penisola risente della presenza dell’alta pressione, con tempo stabile e secco, in particolare proprio in quelle regioni che invece avrebbero bisogno di pioggia, come il Centronord. “Poche novità fino a venerdì con anticiclone dominante, ma anche nebbie o nubi basse sulle pianure del Nordest e nuvolosità marittima che potrà coprire i cieli di Liguria e delle regioni tirreniche. Il tutto in un contesto termico decisamente mite durante le ore diurne, quando le massime potranno superare punte di 14-16°C laddove il tempo sarà soleggiato. Marcate escursioni termiche dunque con la notte, quando i valori minimi potranno invece portarsi intorno allo 0°C in particolare sulle aree interne del Centronord” prevede Ferrari. Il bel tempo significa però anche l’allerta da emergenza smog, con un notevole peggioramento della qualità dell’aria, specie nei grandi centri urbani del Nord.

Leggi anche:  I soliti idioti buttano nel lago una panchina: recuperata dagli amis di pumpier FOTO

Occhio anche a chi si avventura in montagna:  il caldo anomalo per il periodo in montagna si ripercuoterà con uno zero termico anche oltre i 3000m sulle Alpi.

Tutto cambia nel weekend

Ecco però che nel weekend tornerà il freddo. “Tra venerdì e il prossimo fine settimana una intensa ondata di freddo interesserà Russia, Ucraina, Grecia e Balcani, dove si attende un tracollo termico con rovesci di neve anche in pianura. Marginalmente interessata pure l’Italia, in particolare il Sud e il medio versante Adriatico, dove si potrà avere qualche locale rovescio nevoso anche a quote basse e un deciso calo delle temperature sotto sostenuti venti di Grecale, anche di 8-10°C. Rimane secco invece sul resto della Penisola, pur in un contesto climatico più freddo rispetto ai prossimi giorni. Per il momento l’alta pressione continuerà a sbarrare la strada alle piovose quanto preziose perturbazioni atlantiche” concludono da 3bmeteo.com