Emozionante gita del Geo Lecco, il gruppo età oro del Cai Lecco che nei giorni scorsi ha omaggiato il compianto presidente Marcello Sellari.

Geo Lecco

“Non è certo un po’ di neve a fermare i “ragazzi” del GEO” raccontano  su facebook gli organizzatori della passeggiata. “Raggiunti i Piani Resinelli ed il piazzale Chiappa, i partecipanti all’escursione del nostro Gruppo Età d’Oro si sono addentrati per una passeggiata di un paio d’ore, calpestando neve fresca e con qualche piacevole spruzzata di neve che ha contrassegnato l’escursione”.

Tributo al presidente

“D’obbligo una fermata alla centenaria Chiesetta del Sacro Cuore, dove Romano con appassionate parole ha ricordato Marcello Sellari, scomparso il 13 settembre scorso proprio nel corso di un’escursione del GEO. Fra le varie “piastrelle” che ricordano con una foto i caduti in montagna infatti vi è anche quella dedicata al compianto Presidente del Gruppo. Un canto e una preghiera hanno concluso il ricordo nella Chiesetta gentilmente aperta per l’occasione dalla signora Camilla”.

Sellari

Marcello Sellari, tragicamente scomparso lo scorso mese di settembre durante un’escursione in Engadina, di ritorno dalla Chamanna Boval,era nato il 15 gennaio 1936 ad Alessandria d’Egitto, perché il padre era in nord Africa per impegni professionali. Durante il percorso lavorativo,  aveva ricoperto ruoli importanti nel comparto dell’organizzazione aziendale e dell’informatica, maturando competenze che in seguito avrebbe riversato con successo, anche a pensione raggiunta, nelle sua diverse attività. In particolare era diventato un punto di riferimento importante del movimento alpinistico regionale e lecchese.

Leggi anche:  Ponte di Paderno: i commercianti fanno «causa» alle ferrovie

L’ingresso nel Geo

E’ del 1991 il suo ingresso nel Geo, realtà straordinaria nata nell’ambito del Cai su iniziativa di Anna Clozza. E proprio da lei Sellari aveva ricevuto il testimone nel luglio 2004, assumendo la guida del gruppo e consentendo con il suo impegno di farlo crescere ulteriormente. Il suo ruolo di presidente non era mai stato messo in discussione, come testimoniato dai 13 anni di incarico continuo, sostenuto sempre da entusiasmo e passione, oltre che dalla capacità di coinvolgere tutti i soci nelle attività del sodalizio, diventato sempre più una grande famiglia.

La passione per la montagna

L’amore per la montagna lo aveva portato anche a rivestire il ruolo di consigliere, segretario, tesoriere e vice presidente della sezione «Riccardo Cassin». Ma anche  di consigliere regionale del Cai, di presidente della Commissione Seniores Regionale lombarda. E indoltre  di vice presidente della Sem milanese, alla quale si era iscritto nel lontano 1971.