Rappresentanti del Consorzio Brianteo Villa Greppi e dei comuni consorziati hanno preso parte, in veste ufficiale, ai funerali di Venanzio Gibillini, sopravvissuto alla deportazione nazista che si è spento lo scorso 16 gennaio 2019.

Gibillini, sopravvissuto alla deportazione nazista

Più volte ospite di Percorsi nella memoria, rassegna promossa dal Consorzio in occasione del Giorno della Memoria, negli anni Venanzio Gibillini detto Giba ha incontrato studenti e adulti e ha portato il suo racconto in molti dei comuni aderenti al Consorzio. Presenti durante la funzione che si è tenuta a Milano (nella Chiesa di San Carlo alla Ca’ Granda) nella mattina di sabato 19 gennaio la Presidente del Consorzio nonché Vicesindaco del Comune di Casatenovo Marta Comi, il sindaco di Cremella Ave Pirovano, il consigliere comunale del Comune di Bulciago Nicola Corsaro e il Vicesindaco di Sirtori Paolo Negri. Accanto a loro i rappresentanti del Comune di Milano, il gonfalone di Regione Lombardia, una delegazione dell’ANPI e dell’ANED.

I ricordi

“Giba – commenta la Presidente del Consorzio Villa Greppi Marta Comi – è stato ospite dei Percorsi nella memoria ogni anno dal 2007 al 2018, portando la sua testimonianza nelle nostre scuole e nei nostri Comuni. Ricordiamo con emozione, in particolare, l’evento che nel 2016, proprio durante i Percorsi, ci ha permesso di farlo incontrare con Vittore Bocchetta: due vittime di un destino comune, che li ha visti deportare da Bolzano a Flossembürg, a bordo dello stesso transport!”

Leggi anche:  "Palermo chiama: Lecco risponde". Tutti allo stadio contro la mafia FOTO

LEGGI ANCHE  Con il Consorzio Villa Greppi tre settimane di eventi dedicati al Giorno della Memoria.

“Giba – continua – è stato un amico del Consorzio Villa Greppi e per mantenere viva la sua memoria abbiamo deciso di dedicare a lui l’edizione corrente dei Percorsi nella Memoria: vogliamo raccogliere il testimone, per tenere vivo il ricordo di un uomo e continuare a raccontarne, nel tempo, la preziosa testimonianza».

 

 Scarica il libro “Warum gefangen” di Venanzio Gibillini

 leggi qui la testimonianza di Venanzio Gibillini