Igualada, una delle 5 città gemellate con Lecco, è stata dichiarata Città Europea dello Sport 2019. Il sindaco si trova a Bruxelles proprio in questi giorni per ricevere il riconoscimento. Nella Sala Giunta di Lecco, nel frattempo, alla presenza del sindaco Virginio Brivio, dell’assessore allo sport Roberto Nigriello e del presidente del Comitato Gemellaggi di Lecco, Giorgio Rusconi, una delegazione catalana di Igualada oggi, lunedì 3 dicembre, è  venuta a raccontare di persona la propria  esperienza.

Igualada città europea dello sport 2019

“Grazie a questa nomina – hanno spiegato i rappresentanti delle delegazione catalana, Josep Junyent Carrillo e Josep Marques Rossell – abbiamo modo di creare e migliorare le infrastrutture adibite allo sport.  Stiamo costruendo nuovi padiglioni, per la pallacanestro, l’hockey, ecc.”. L’assessore lecchese allo Sport Nigriello si è detto non solo lieto ma anche orgoglioso di tale riconoscimento. “Avere una gemella che si fregia del titolo di Città dello Sport fa lustro anche a noi”, ha commentato.

La difficile situazione politica

Non sono solamente i vertici del governo della Catalogna ad essere colpiti dall’autorità del governo spagnolo. È noto, infatti, come alcuni ministri siano stati esiliati a Bruxelles, e altri siano stati mandati in prigione. Ma anche artisti e persone comuni vengono ostacolati per quello che dicono e scrivono. Un rapper, ad esempio – così hanno riportato i due delegati catalani – avendo scritto contro il re di Spagna è stato poi arrestato. Stando ad un articolo di Repubblica risalente a marzo 2018, due in particolare sono i rapper perseguitati dalla Giustizia spagnola: Pablo HasélJosé Miguel Arenas, noto come Valtònyc. “Se si vuole un po’ di giustizia, si deve andar via dalla Spagna”; queste le parole di Josep Junyent Carrillo e Josep Marques Rossell

Leggi anche:  Sp 72 chiusa lunedì per meno due ore per lavori Bellano

Gli interscambi sportivi e culturali

Ciò che si vuole riprendere è, a detta del presidente del Comitato Gemellaggi di Lecco Giorgio Rusconi, l’idea di abbinare scambi ad ospitalità nelle famiglie. Ma non solo per le attività sportive. È per esempio in corso un tirocinio grazie al quale alcuni ragazzi di Igualada lavoreranno nelle aziende di API Lecco, per qualche settimana. Il sindaco di Lecco ha quindi sottolineato la vitalità degli scambi tra le due città.

Le parole di Giorgio Rusconi

“Guardando al nostro continente, l’Europa, osserviamo una crescente sfiducia verso una istituzione politica che oggi è spesso ostaggio delle narrative politiche, omettendo i successi di sessant’anni di Unione. L’amicizie, la cultura, la solidarietà, la condivisione di progetti comuni a livello di scambi economici, sportivi o con azioni nel volontariato, possono sopperire alle carenze politiche e dare nuovo slancio ad una integrazione tra cittadini che hanno molto in comune e tanto ancora da imparare”.