Dopo linvasione di uccelli di qualche giorno fa, il mondo animale è tornato a “far visita” alla sede del nostro gruppo editoriale in via Campi a Merate. In perfetto “transumanza style” a intrufolarsi nel parcheggio e poi nel campo adiacente la sede Netweek, questa volta è stato un grosso gregge di pecorelle (e qualche capretta).

Protagonista del nostro video, un tenero agnellino:

Da Pasturo alla Brianza

Dalla Valsassina alla Brianza: questo il percorso che i due pastori compiono in sei mesi di transumanza. Con partenza da Pasturo a inizio novembre e rientro previsto, sempre ai piedi della Grigna, a fine aprile. Un viaggio che comprende una media di venti chilometri al giorno, transitando tra i paesi delle province di Lecco, Monza e Brianza e Bergamo. E’ questo l’itinerario del viaggio durante i mesi invernali, mentre nel periodo estivo la transumanza si sposta sui più freschi prati di montagna della Grigna.

Il gregge e il pastore

Il gregge è composto da ottocento pecore di tutte le taglie, qualche capra e quattro mucche, tutti animali destinati al consumo di carne. Durante il giorno pascolano tra i campi brianzoli e bergamaschi, prescelti grazie all’accordo con i proprietari terrieri. Prima che il sole tramonti, gli animali vengono recintati e lasciati riposare per tutta la notte, mentre i pastori ritornano nelle loro case, per poi ricongiungersi all’alba del giorno dopo. Il gruppo non conosce festività e giorni di riposo, in quanto il gregge necessita del pascolo quotidianamente, un viaggio continuo con sosta notturna obbligata.

LEGGI ANCHE: Gli Uccelli di Hitchcock? No sono i cieli della Brianza lecchese VIDEO

Gli Uccelli di Hitchcock? No sono i cieli della Brianza lecchese VIDEO