Per la Giornata Nazionale Aido, questo weekend si è rinnovato il consueto appuntamento “Un anthurium per l’informazione”, la campagna di sensibilizzazione sulla donazione e il trapianto di organi.

Aido: 46 anni di attività

Quest’anno Aido festeggia i 46 anni di attività, un traguardo importante ottenuto con passione e tenacia grazie all’impegno di numerosi volontari attivi in tutta Italia, che ogni giorno si dedicano alla diffusione della cultura della donazione. Va sottolineato che Aido non riceve sostegni dalle Istituzioni e può contare solo sulla raccolta fondi degli associati, del 5×1000 e delle donazioni volontarie.

Diffondere le donazioni corrette

Aido grazie al prezioso e intelligente lavoro dei suoi 10 mila volontari, diffonde nei diversi ambiti sociali e istituzionali le corrette informazioni sulla donazione: nelle scuole, fra i giovani, nelle strutture sanitarie, organizzando incontri e dibattiti pubblici, partecipando a manifestazioni sportive e culturali, aggregative e sociali. Questa intensa attività ha, ogni anno, un momento particolarmente significativo nella Giornata “Un Anthurium per l’Informazione”.

L’obiettivo

Lo scopo di Aido con queste campagne di sensibilizzazione che organizza sistematicamente in tutta Italia, è cercare di consolidare il trend in crescita degli ultimi anni per quanto riguarda il numero di donazioni e trapianti e far diminuire il numero di pazienti in lista d’attesa nel nostro paese. Aido è impegnata per consentire ai cittadini di fare una scelta ragionata e consapevole.

Leggi anche:  L'ultimo gesto d'amore del volontario: grazie a lui due bimbi son tornati a vedere

Oltre 6 milioni di donatori in Italia

Aido sostiene la scelta volontaria, gratuita e anonima che ogni cittadino può esprimere: sono oltre 6 milioni i cittadini italiani che hanno fatto questa scelta. Oltre 3 milioni hanno deciso per il sì alla donazione all’atto del rilascio o del rinnovo della carta d’identità presso gli uffici Anagrafe dei Comuni Italiani che hanno attivato il progetto “Una scelta in Comune”.