Sono stati celebrati questa mattina, mercoledì 26 giugno, nella chiesa Arcipresbiteriale di Calolziocorte, i funerali di Pier Luigi Villa. Il 45enne, originario di Calolzio e da poco tempo residente a Cisano, è morto tragicamente in seguito ad un fatale incidente stradale, avvenuto domenica 23 giugno in via Bisone tra Monte Marenzo e Cisano Bergamasco.

LEGGI ANCHE: 

Incidente mortale alla Levata di Monte Marenzo FOTO

Schianto fatale in moto: dolore per la scomparsa di “Pigi”

In tantissimi per l’ultimo saluto a “Pigi”

Una folla di amici, parenti e conoscenti ha riempito ben presto la Chiesa di Calolzio per portare l’ultimo saluto a “Pigi”. La celebrazione è stata presieduta da don Matteo Bartoli, insieme a don Cristoforo Vescovi che segui Pier Luigi in oratorio negli anni dell’adolescenza. “Vorrei chiedere il perché di questa morte improvvisa del nostro caro Pier Luigi – ha esordito don Matteo nell’omelia – Era un punto di riferimento per i genitori e per gli amici e la vostra presenza di oggi significa che lui c’è sempre stato per tutti voi. Una delle parole che hanno accompagnato la sua esistenza, infatti, è amicizia: ha vissuto questa amicizia, iniziando dall’oratorio o seduto sulle gradinate esterne del nostro cinema, oppure con gli amici sotto l’albero fuori dalla nostra Chiesa. Vorrei quindi chiedere al Signore di restare vicino ai suoi genitori, famigliari e amici”.

Clicca e scorri per vedere tutte le foto

Il ricordo delle sorelle Bianca e Manuela

Le sorelle Bianca e Manuela

Sogna la tua vita a colori. Questo è il segreto della felicità. Questa è la frase che si trova sul lato sinistro del letto di nostro fratello Pigi. Così capite i capelli fucsia della foto, la camicia verde e le scarpe gialle che indossa oggi. Abbiamo sempre insegnato ai nostri ragazzi che dopo la comunione bisogna ringraziare. Oggi è molto difficile.

Grazio Dio d’aver dato Pier Luigi ai nostri genitori. Lui è quello che ascolta la mamma e il papà anche se ti ripetono le cose 3-4-5 volte senza lamentarsi e senza dire “mamma lo hai già detto”. Domenica la mamma e il papà ci hanno detto “portatelo a casa, la sua casa è qui con noi”. Abbiamo obbedito, abbiamo fatto di tutto per far rivedere Pigi, sempre bello come il sole, ai nostri figli, ai nostri genitori, ai nostri mariti, ai nostri zii e a tutti quelli che ci vogliono bene.

Leggi anche:  Problematiche della Statale 36: oggi il primo tavolo di lavoro in Regione FOTO

Grazie per aver dato lo zio Pi a Mattia, Adele, Davide e Andrea. Oggi hanno un angelo custode in più. “Zio domenica alle 9 c’è la partita, ci sei?”. “Alle 9 del mattino, ok per le 9.15 sono lì”. E’ lui c’è sempre stato. Oggi non ha scuse, deve arrivare puntuale anche la domenica mattina presto. Ragazzi avete un compito “Dovete essere felici perché così anche lo zio è felice con voi”.

Grazie di aver dato Pigi come amico a tante, tante persone. In questi giorni siamo stati abbracciati da un fiume di ragazzi e ragazze. Siamo stati avvolti e incorporati nella vostra amicizia. Lunedì sera la nostra mamma ci ha detto “sapevo che Pier Luigi aveva tanti amici, ma non sapevo che così tanta gente gli volesse bene”.

Grazie di averci dato Pigi come fratello. Nei momenti importanti della nostra vita lui c’è sempre stato, testimone per entrambe alle nostre nozze, a firmato per la nostra felicità. Lui sempre attivo per i nostri figli, per le nostre famiglie. Gli abbiamo sempre chiesto di rinunciare alla moto, ma la sua passione è sempre stata più forte di noi. Domenica notte, con Andrea, ci siamo trovate a scegliere i suoi ultimi vestiti. Non è stato facile, ma le sorelle Villa ce la possono fare a far tutto. Ci appoggiamo l’una all’altra, anche se oggi è difficile. Stiamo traballando, siamo zoppe, dobbiamo essere un po’ sostenute.

Una cosa Dio ti chiediamo per Pigi, in paradiso, non una veste bianca. La vorremmo verde e a fiori o gialla come le sue scarpe. Se proprio sei scarso di queste stoffe, ci va bene anche azzurra ma la vogliamo del colore dei suoi occhi.

a cura di Mario Stojanovic