Fridays for future: sono già moltissimi gli studenti meratesi del liceo Agnesi e dell’istituto Viganò pronti a invadere le strade della città per manifestare contro il riscaldamento climatico. I “Fridays for Future” derivano da iniziative che stanno nascendo spontaneamente in tutto il mondo, capitanante da gruppi di studenti mossi dall’onda degli scioperi per il clima promossi dall’ormai nota ambientalista svedese Greta Thunberg. Le forme di manifestazione sono le più disparate: chi fa sit-in, chi organizza marce, chi momenti di approfondimento… l’importante è agire. Le iniziative di Fridays for Future sono “no logo” e per partecipare basta portare un proprio cartello o striscione con un pensiero o una richiesta particolare. Proprio come sta avvenendo a Merate, dove studenti e professori nei giorni scorsi hanno preparato numerosi striscioni.

Fridays for future a Merate

Coordinata dal gruppo ecologico «CO2a aspetti?» del liceo scientifico, l’iniziativa mira non solo a sensibilizzare l’opinione pubblica verso quella che è diventata un’emergenza planetaria conclamata. Partendo dai plessi di via dei Lodovichi, gli studenti meratesi raggiungeranno piazza Prinetti, dove alle 10.30 organizzeranno un flash mob con la lettura del discorso tenuto da Greta Thunberg alla sessione plenaria della Conferenza sul Clima delle Nazioni Unite di Katowice, nel dicembre del 2018, in cui aveva accusato i Governi di non prendere decisioni adeguate alla gravità dei cambiamenti climatici denunciati dagli scienziati. Seguiranno gli interventi di Legambiente e degli studenti.

Villa Greppi per l’ambiente

Anche l’istituto Villa Greppi di Monticello ha aderito ai Fridays for Future con un’assemblea d’istituto che si è articolata in un momento di confronto e con una maxi foto di gruppo nel giardino della scuola: tutti, sia studenti che professori, sono stati invitati a vestirsi di verde e bianco in modo simbolico.