Meritato successo a livello internazionale per “Altreforme”, la divisione di arredo dell’azienda Fontana Group di Calolziocorte.

Fontana Group finalista a New York

Infatti la rivista statunitense di arredo “Interior Design” ha scelto il brand lecchese come finalista per il “Best of Years Awards 2019”, l’esclusivo premio che ogni anno il magazine assegna a New York ai migliori prodotti di design di tutto il mondo. Sono state oltre 2.600 le candidature ricevute: i cabinets Mata&Grifo, disegnati da Antonio Aricò ed Elena Salmistraro, presentati al fuori salone di Milano,lo scorso mese di Aprile, si sono aggiudicati la finale nell’ambitissimo concorso nella categoria mobili residenziali, insieme ad altre quattro importanti realtà del design internazionale. La finale si è svolta lo scorso venerdì 6 dicembre a New York in un gremitissimo Javits Center, che ha applaudito i brand coinvolti nell’ultima parte del “Best of Years Awars 2019”. I vincitori, annunciati dalla capo redattrice Cindy Allen e dalla redattrice Carol Cisco.

“Fieri del traguardo raggiunto”

“Siamo orgogliosi e fieri di aver raggiunto questo importante traguardo gli Stati Uniti sono una fetta importante del nostro mercato e ogni anno lavoriamo per accrescere e migliorare la nostra immagine oltreocean – ha dichiarato Valentina Fontana, Founder e Art Director di “Altreforme”, nonché vice presidente di Fontana Group – Non importa se non abbiamo vinto il primo posto siamo un brand giovane ed essere già arrivati su questo Podio insieme a nomi storici del design come il vincitore (Living Divani) è un per noi un grandissimo successo. Avremo tutto il tempo per crescere e vincere questa e le tante altre nuove sfide che ci attenderanno. Il mio grazie va ad Antonio ed Elena, i due designer che hanno realizzato questi capolavori, che ben rappresentano la creatività del nostro brand, e soprattutto a tutta la squadra altreforme che ogni giorno si impegna con professionalità e talento credendo in questa bellissima avventura. Questo traguardo è prima di tutto il vostro!”

Leggi anche:  Centro sportivo Capriate, il sindaco perde la pazienza: "Concludete i lavori in 15 giorni"

Mario Stojanovic