«Posso senz’altro dire di essere soddisfatto che lunedì, finalmente, ripartano i lavori per la Caserma dei Carabinieri di Oggiono. Il  risultato è frutto di un lavoro portato avanti per tutta la scorsa Legislatura. Un lavoro che mi ha visto impegnato anche in questi ultimi giorni nel sollecitare Ministero e Provveditorato. Ciò affinché il cantiere venisse finalmente sbloccato». A parlare è Gian Mario Fragomeli, parlamentare lecchese del Partito Democratico.

Caserma dei Carabinieri di Oggiono

«Anche gli ultimi passaggi burocratici vale a dire aggiudicazione, firma del contratto e consegna dei lavori, sembravano contraddistinti da una scansione temporale dagli intervalli decisamente eccessivi, tali da rendere problematico arrivare a un qualsiasi tipo di programmazione. Le ultime sollecitazioni, pur in presenza di un ennesimo ricorso in Consiglio di Stato, hanno permesso di definire finalmente la data di riapertura del cantiere. Si è trattato» sottolinea «di un lavoro di squadra con il Sindaco Ferrari, adesso collega alla Camera, ma anche con la minoranza consigliare di Oggiono e con il consigliere regionale Raffaele Straniero».

Sicurezza al primo posto

«Da parte mia» conclude Fragomeli «ho ritenuto indispensabile intervenire da subito nella questione. Quando si parla di sicurezza sul territorio, non è accettabile che i tempi si dilatino in questo modo e pregiudichino la piena operatività di un presidio di legalità quale una Caserma dell’Arma».

Leggi anche:  Addio a Ciccio Valsecchi nella chiesa di Castello FOTO