Il rapper Ernia sabato 17 marzo si esibirà in una tappa live allo Tsunami Club di Osnago per il suo nuovo tour “Come uccidere un usignolo/67”. La tournée lo vedrà protagonista nei più prestigiosi club delle principali città italiane per tutto l’inverno.

Ernia rapper nella top 5 Fimi

Tra i più apprezzati e seguiti rapper della nuova generazione, Matteo Professione in arte Ernia, presenta al pubblico il suo ultimo album “Come uccidere un Usignolo/67″ che presta il nome anche al tour nazionale. L’album “Come Uccidere Un Usignolo” e “67” sono stati presentati da Ernia come due capitoli di una stessa saga. Il disco, ricco di suggestioni musicali assimila sonorità rap, trap, melodie vocali e metriche rap precise e dirette in un mix inedito di elementi diversi che ben rispecchiano l’evoluzione e il singolare percorso del rapper. Registrati con l’etichetta discografica Thaurus/Universal gli ha permesso di entrare direttamente in top 5 dei dischi più venduti in classifica Fimi.

Un lavoro complesso ma soddisfacente

L’artista, molto soddisfatto del suo ultimo album dichiara: “Sono molto legato a questo lavoro e non vedo l’ora di portarlo live. L’ultimo periodo è stato caratterizzato da anni duri e intensi in cui ho avuto modo di riflettere molto. Come uccidere un usignolo (67 edition) è la perfetta sintesi in musica del vissuto proprio degli ultimi anni. L’insoddisfazione per una società molto spesso superficiale mi ha spinto a dar voce agli occhi dei moltissimi giovani che tutti i giorni affrontato difficoltà nel raggiungere i propri obiettivi, disgustati da una società spesso vuota e priva di valori”.

Leggi anche:  Sagra delle Sagre: ecco i biglietti vincenti della lotteria

Disco ricco di collaborazioni con altri noti artisti del genere

“Dai no”e “EGO”, sono solo alcuni dei brani inclusi nell’album, arricchito inoltre di importanti collaborazioni e featuring con alcuni dei migliori rapper del panorama italiano. Ad esempio il feat con il grande Guè Pequeno nel brano “Disgusting” e il feat con Mecna nel brano “Tradimento”. L’album si avvale delle produzioni dei migliori producers della scena odierna: Da Parix a Shablo, non mancano inoltre le produzioni di Marz, Lazza e Luke Giordano.