Il decimo anniversario della morta di Eluana Englaro, che ricorrerà sabato 9 febbraio 2019,  è occasione per Alberto Anghileri, consigliere comunale di “Con la sinistra cambia Lecco” di ricordare che “la battaglia della famiglia della lecchese ha costretto la politica a fare una legge”. Stiamo parlando della norma sul biotestamento. Norma per la quale oggi, Anghileri chiede una attuazione “facile” anche a Lecco.

LEGGI ANCHE Eluana Englaro “priva di morte e orfana di vita”: papà Beppino ripercorre il dramma da Mentana

Eluana Englaro: “Il caso lecchese ha costretto la politica a fare una legge”

“Il prossimo 9 febbraio saranno 10 anni dalla morte di Eluana Englaro, una vicenda che partendo dalla nostra città ha avuto un risvolto nazionale e che ha avuto il merito, assieme
ad altre situazioni simili, di costringere la politica a legiferare in tal senso” sottolinea Alberto Anghileri. Dobbiamo ringraziare la famiglia Englaro che ha dimostrato un grandissimo senso civico combattendo una dolorosa e lunga battaglia, sempre nel rispetto delle leggi e dello stato di diritto, alla fine hanno ottenuto un diritto per Eluana”.

LEGGI ANCHE

Bio testamento, la proposta apprezzata anche da papà Englaro è legge

Con questa legge Eluana avrebbe potuto dire il suo “no grazie” INTERVISTA A PAPA’ ENGLARO

Leggi anche:  Terrorismo: un terzo delle espulsioni italiane è avvenuto in Lombardia. L'ultimo caso a Lecco

Diritto accessibile a tutti

“Oggi grazie a loro questo diritto è accessibile a tutti, il diritto ad una vita dignitosa fatta di rapporti umani, di gioie e dolori, di scelte giuste o sbagliate ma mai, mai, una vita
vegetativa. La differenza tra gli integralisti che di questi tempi rialzano la cresta sta tutta qui, noi pensiamo che ci debba essere libertà di scelta, altri pensano che debbano poter decidere in base alle loro convinzioni, per tutti”.

“Serve uno sportello a Lecco”

“Nella vicenda Englaro, in quella di Luca Coscioni, o in quella Welby, o in quella del DJ Fabo non si sono scontrati due opposti estremismi ma da una parte c’era chi si batteva per la libertà di scelta, dall’altra chi pretendeva di imporre le proprie convinzioni etiche e religiose a tutti. La legge sul trattamento di fine vita con molti anni di ritardo è finalmente stata approvata, ma non è sufficiente, perché una legge diventi veramente un diritto utilizzabile da tutti coloro che lo desiderano bisogna mettere I cittadini in condizione di poterlo esercitare. Nel prossimo Consiglio Comunale chiederemo l’apertura in Municipio di uno sportello che fornisca ai cittadini le informazioni utili per potere esercitare questo diritto”.