E’ ufficialmente arrivata l’influenza: Già 125mila i casi. Più colpiti i bambini. Intanto partirà il 5 novembre la campagna vaccinale in provincia di Lecco.

E’ ufficialmente arrivata l’influenza: Già 125mila i casi. Più colpiti i bambini

Lo avevamo annunciato nelle scorse settimane e infatti l’influenza è ufficialmente arrivata. Si segnalano infatti i primi 125mila casi in Italia, 71mila solo la scorsa settimana. Febbre, dolori, malessere, infiammazioni delle vie respiratorie. Sono questi i principali sintomi con sui si manifesta l’influenza stagionale e ancora una volta i più colpiti sono i bambini. In particolare quelli sotto i quattro anni di età.

Secondo il bollettino settimanale di InfluNet, a cura dell’Istituto Superiore di Sanità, nella 43a settimana del 2018 l’incidenza totale è stata pari a 1,17 casi per mille assistiti. Ovvero ai livelli “di base” di circolazione del virus, ma nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza sale già a 2,36 casi per mille assistiti.

Attenzione però perchè molte delle febbri che hanno allettato gli italiani nelle ultime settimane sono state in realtà causate da virus parainfluenzali. Molto simili alla vera influenza ma con una sintomatologia più lieve e di durata minore.

Leggi anche:  A Merate la conferenza del Dott. Ugo Giuffrè: "L'importanza di vaccinarsi"

La campagna vaccinale

Intanto lo ricordiamo, partirà proprio il 5 novembre la campagna di vaccinazione antinfluenzale gratuita in provincia di Lecco. Sarà possibile vaccinarsi presso i Medici di medicina generale (dal 5 novembre al 15 dicembre) e negli ambulatori dell’ASST. Dal punto di vista anagrafico la vaccinazione gratuita è prevista per gli over 65 (quindi chi è nato nel 1953 e negli anni precedenti); tra le categorie di persone cui è diretta la vaccinazione gratuita le donne in gravidanza, i medici e il personale sanitario di assistenza, chi è affetto da patologie croniche e, quest’anno per la prima volta, anche i donatori di sangue. Presso le ASST potranno vaccinarsi pure tutti i soggetti che ne facciano richiesta ma che non appartengono alle categorie comprese nella somministrazione gratuita al costo di 16 euro a titolo di partecipazione alla spesa.

LEGGI QUI DOVE E COME PRENOTARE