Dopo l’appello la mamma di Alex “ritrova” il cuore del figlio. Pochi giorni fa Sarajeva Villa, la mamma di Alex Crippa, il giovane lecchese scomparso a soli 21 lo scorso anno dopo un incidente sulla Lecco Ballabio aveva lanciato in grido di aiuto per mettersi in  contatto con chi aveva ricevuto gli organi del giovane. Lo aveva  fatto pubblicando il commovente post su  un gruppo fb intitolato “Trapiantati e parenti del donatore…INCONTRIAMOCI!”. 

LEGGI ANCHE “Aiutatemi a trovare chi vive grazie al cuore di mio figlio”

Dopo l’appello la mamma di Alex “ritrova” il cuore del figlio

E le sue preghiere sono state ascoltate. Oggi la lecchese, ai microfoni di Studio Aperto (CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO) ha infatti raccontato che l’uomo nel cui petto batte il cuore di Alex si è messo in contatto con lei “Ciao, sono Marzio e ho ricevuto il cuore di tuo figlio”. Questo i messaggio ricevuto da mamma Sarajeva . Un messaggio che l’ha commossa sino alle lacrime. Che forze non ha alleviato il dolore per la perdita di Alex ma che l’ha spinta a credere, davvero, che su figlio, proprio come lui voleva “Forse un po’ ha cambiato il mondo, perchè non è da tutti donare tutti gli organi”.

Leggi anche:  "Palermo chiama: Lecco risponde". Tutti allo stadio contro la mafia FOTO

Donazione organi e anonimato

Davanti alle telecamere la lecchese ha sottolineato che spesso i parenti dei donatori e i riceventi di organi vorrebbero conoscersi a vicenda, ma non riescono a farlo. Un ostacolo che un altro lecchese, Marco Galbiati, si sta impegnando per rimuovere attraverso la raccolta di firme per modificare  la legge 91/1999 sulla donazione degli organi al fine togliere l’obbligo dell’anonimato e permettere ai famigliari del donatore e al ricevente di incontrarsi e di conoscersi.