Donazione di organi: il papà di Nicholas Green scrive a Marco Galbiati. L’imprenditore lecchese infatti sta portando avanti la sua battaglia  per modificare la legge 91/1999 sulla donazione degli organi per  togliere l’obbligo dell’anonimato e permettere ai famigliari del donatore e al ricevente di incontrarsi e di conoscersi. La petizione lanciata dal papà di Riki Galbiati, che dopo la morte a soli 15 anni  ha donato gli organi (i reni, il fegato e le cornee) permettendo così ad alcune persone di tornare a vivere (o di vivere meglio) grazie a questo gesto di grande generosità, ha già raccolto 13.000 adesioni.

Donazioni di organi e anonimato: i campo Reginald Green

“Le 13.000 persone che fino ad ora hanno firmato la petizione lanciata da Marco Galbiati per permettere alle famiglie dei donatori di organi e ai loro riceventi di contattarsi è un ulteriore esempio del desiderio che molte famiglie hanno di conoscere come stanno le persone che hanno ricevuto il dono della loro persona amata. Negargli questa opportunità è un modo dimesso di trattare chi ha realizzato uno dei gesti più nobili della medicina”. Queste le parole con cui Reginald Green, il papà del ragazzino americano colpito e ucciso per errore nel 1994 in Italia, i cui genitori acconsentirono alla donazione degli organi, ha scritto a Marco Galbiati.

La lettera

“Queste persone hanno lottato contro la pressione quasi irresistibile di ritrarsi nel dolore ed hanno invece steso le loro mani per aiutare altre persone che non avevano mai conosciuto prima – prosegue Green nella sua mail a Galbiati – Negargli quest’opportunità è anche assolutamente non necessario. Negli Stati Uniti, dove vivo, migliaia e migliaia di famiglie si sono scritte lettere e si sono anche incontrate con quasi nessuno dei problemi di cui parla chi si oppone al cambiamento”.

Leggi anche:  Corona aggredito, "ero lì per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia"

L’esperienza in Usa

Di fatto, le organizzazioni che sovraintendono le donazioni degli organi negli Stati Uniti dicono che nella stragrande maggioranza dei casi il contatto migliora la salute e la felicità di entrambe le parti. “Non ci sono dati nazionali, ma in una regione che da sola ha meno della metà degli abitanti dell’Italia, 1200 persone lo scorso anno si sono scritte delle lettere. In un’altra area, la metà delle famiglie dei donatori ha contattato l’altra parte. No, questo non perché la cultura americana è differente: in questi grandi numeri, molti sono di famiglie di origini italiane”, conclude Green.

Marco Galbiati

“La mail di Reginald Green ha costituito per me un momento di grande commozione – commenta Marco Galbiati – D’altra parte mi ha confortato nella mia convinzione che anche in Italia debba essere superato l’anonimato e mi sento spronato a continuare nella mia battaglia, anche “contro” chi a lungo si è rifiutato di confrontarsi su questa tematica e continua a girare attorno alla questione”.

La petizione

E’ sempre possibile firmare la petizione dal sito internet dell’associazione di Marco e Riccardo Galbiati www.iltuocuorelamiastella.it oppure direttamente al link https://www.change.org/p/ministero-della-salute-legge-donazione-organi-aboliamo-l-anonimato-e-permettiamo-alle-persone-di-conoscersi-3b93b639-691c-449b-aef0-96fd338c7dbd