Il CNSAS, che gestisce gli interventi speleologici su tutto il territorio regionale e partecipa a operazioni complesse anche a livello nazionale e internazionale, apre le selezioni per aspiranti operatori di soccorso speleologico.

CNSAS: al via le selezioni

Come si diventa soccorritore in ambito speleologico? Il percorso è articolato, con prove, selezioni, fasi di formazione e momenti di confronto con tecnici e istruttori. Per presentare la propria candidatura è necessario essere in possesso dei requisiti definiti sullo Statuto, Art. 7, e Regolamento, Art. 4, del CNSAS. Le domande si potranno presentare entro il 31 ottobre.

 

I requisiti

Può presentare richiesta di ammissione colui che sia in possesso dei seguenti requisiti:

  • maggiore età;
  • non aver superato il 45° anno di età, salvo deroga motivata deliberata dalla Direzione regionale o provinciale dei Servizi C.N.S.A.S.;
  • iscrizione in corso di validità al C.A.I.;
  • non aver subito condanne passate in giudicato come declinate dal Regolamento generale;
  • superamento delle prove di selezione qualora previste dai Piani formativi nazionali;
  • idoneità prevista dal Regolamento generale che disciplina in dettaglio le modalità di ammissione e permanenza del
  • socio nel C.N.S.A.S.
Leggi anche:  Allarme sicurezza con sette incidenti in 10 giorni provocati dalla fauna selvatica

La Direzione regionale o provinciale delibera l’ammissione del socio.

Cosa verrà valutato?

Gli istruttori della Scuola regionale tecnici di soccorso speleologico “Andrea Parenti” valuteranno la preparazione dei partecipanti. La verifica riguarda le capacità dell’aspirante volontario sulle tecniche di progressione su corda, di arrampicata e risalta, di attrezzamento e di autosoccorso. Per informazioni, contattate la segreteria all’indirizzo ixspeleo@sasl.it.