Una pillola di dialetto brianzolo. Torna l’appuntamento con la rubrica dedicata alla lingua brianzola. Curata da Roberto Beretta, cassaghese, autore del dizionario brianzolo-italiano acquistabile in tutte le libreria del territorio. Quella di oggi è una puntata davvero speciale, perché riguarda detti e proverbi sulla donna. Un omaggio alle signore, nella loro festa, con pillole di cultura popolare.

Dialetto brianzolo: dònæ

La dònæ è ovviamente la donna, ma anche la moglie, la consorte e al plurale diventa dònn.

Una dunàsciæ è una donna cattiva o anche solo sessualmente disinibita, un béll dunïnn è una donna ben fatta e dai modi riservati, una dunètæ è una giovinetta che già ragiona da donna, ma anche un maschio non propriamente virile, un tocch de dònæ è una vistosa e gran bella donna, il tipo di donna ricercato dal dunàtt ovvero dal donnaiolo.
In genere la donna era una tranquilla dònæ de ca, cioè una casalinga, e in linea di massima era anche una dònæ de coo, nel senso che cercava di portare avanti la casa nel migliore dei modi e non era facile. Poche erano i dònn de munt intese come donne di mondo, un pochino emancipate mentre spesso ci si imbatteva in donn cunt seu i culzôm che in casa comandavano più del marito o in donn de cunclüsiôm che erano donne decise, valide e degne di rispetto.

La donna in genere non godeva della massima considerazione da parte dei maschi e i proverbi che seguono ne sono la riprova. A cambià la dònæ l’é cumpàgn de cambià l’àsen, si diceva al giovanotto che voleva cambiare la morosa, quànt la dònæ la gaa seu i culzôm ul munt el va a burlôm cioè se è la donna che comanda tutto va a rotoli, la dònæ se la tas la crépæ cioè se la donna tace muore subito.

Certi atteggiamenti femminili erano visti come il fumo negli occhi dai maschi zotici di una volta come dimostrano questi altri proverbi. Dònæ che ménæ l’ànchæ se l’è mìæ putànæ poch ghe mànchæ, la donna che ancheggia è moralmente discutibile, dònæ füméntæ o l’é vàchæ o la divéntæ, stesso discorso vale per la donna che fuma, méi un àsen a cagà che una dònæ a zifulà, idem per la donna che fischietta, quànt la dònæ la va a l’usterìæ incaa ul Signùr el vàrdæ vìæ, cioè anche Dio guarda altrove se una donna entra all’osteria.

Le donne tuttavia erano importanti per gli uomini, consapevoli che la dônæ l’é cumé l’ùndæ, la te tégn a gàlæ o la te fùndæ che è poi lo stesso di la dònæ l’é la furtünæ o la rüinæ de la cà cioè la donna è determinante nell’equilibrio famigliare, o ti tiene a galla o ti affonda oppure può essere la tua fortuna o la tua rovina.
Pertanto gna donn e gna tìlæ al leum de candìlæ cioè la donna, come la tela, va scelta con oculatezza e non al buio o anche dònæ e melôm l’è una furtünæ a truài bômm vale a dire è una vera fortuna trovare la donna giusta. Donna che è opportuno sia nativa dei propri luoghi, come si usa dire dònn e vit di teu sit. Da un punto di vista amore-sesso i proverbi sono un po’ sbilanciati verso il secondo. La belèzæ di donn l’è in di öcc di òmen è un chiaro segnale d’amore come dònæ prégnæ, dònæ dégnæ è un segnale di doveroso rispetto per la donna incinta.

Leggi anche:  Con la testa all'insù, ultimo giorno del festival delle meraviglie ad alta quota FOTO e VIDEO

Però ul béll di òmen l’è in mezz ai gamp di dònn di facile interpretazione, dònn e danee par i òmen in mai asee, donne e soldi non bastano mai, i dònn al fôsch in teucc cumpàgn, le donne al buio sono tutte uguali, oppure teucc disèn inscï, la dònæ l’è bùnæ par ch’el mestee lï il cui significato è evidente, e per finire dònn e murôm van gudüü fïn tant ch’ïnn bômm, ovvero sfruttiamo le donne e il gelso finché rendono, sono un chiaro segnale che le donne erano spesso considerate alla stregua di oggetto per soddisfare le proprie voglie. Non va dimenticato che le donne sono furbe e talvolta subdole. Non a caso i dònn ghe la fan incaa al diaul, quindi anche il diavolo deva stare attento, però fìdes de’l can e di teu amìs ma mìæ di dònn cunt i barbìs, non fidarsi delle donne baffute o fìdes di vulp e de’l tass ma mìæ di dònn cunt ul cü bass, non fidarti delle donne con le gambe corte, è una raccomandazione significativa. Meno male che alla fine dònæ che nass bèlæ la nass sciùræ, se la donna nasce bella avrà l’uomo ricco. E chi nasce brutta ? Purtroppo de dònn breutt ghe n’è departeutt. Parlando di donne un po’ ci si confonde… ricordiamoci due detti conosciuti che sono: tö la dònæ, cioè sposarsi, e na giô de la part di donn ovvero inghiottire ingozzandosi.