Spesso assistiamo a bravate di ragazzi che rovinano e vandalizzano beni pubblici e poi spariscono nel nulla. Tanti, troppo gli episodi di maleducazione e disprezzo  delle regole  e dei beni della collettività. Clamoroso il caso dei minorenni ubriachi che avevano devastato gli arredi a Colico, ma la lista è purtroppo lunga. Fortunatamente però sta diventando sempre più corposa, e meritevole di essere sottolineata, anche la lista delle buone pratiche messe in atto. Sì perchè dal canestro rotto e riparato, alla pulizia del cortile: i giovani lecchesi danno l’esempio.

A Viganò  pulizia del cortile: i giovani lecchesi danno l’esempio

Un bell’esempio, tutto da imitare, arriva da Viganò dove  un gruppo di ragazzi si è dedicato a pulire la zona delle elementari. Vista la grande quantità di “cicche” abbandonate a terra i ragazzi hanno comprato un posacenere/bidone della spazzatura per cercare di tenere più pulita la  zona panchine dove c’è già un cestino, ma è è spesso utilizzato, ahimè, da chi getta rifiuti domestici…

A Valgreghentino canestro rotto e riparato

E che dire di quello che è successo a Valgraghentino?  Qui un gruppo di diciottenni ha voluto riparare alla sfortunata rottura di un canestro nel parco giochi. «Quest’estate, all’inizio di agosto, un gruppetto di ragazzi sui 18/19 anni ha rotto un canestro nel parco giochi pubblico di via Toscanini. I ragazzi  stavano giocavano a basket – racconta il sindaco Matteo Colombo – Invece che far finta di niente, come succede spesso, questi giovani si sono subito messi all’opera per avvisare il Comune di quanto successo e sono pure venuti a cercarmi a casa mia perché in quel momento il Municipio era chiuso. Inoltre si sono anche offerti di ripagare il danno attraverso qualche ora di lavori per la comunità».

Leggi anche:  Lecco: da lunedì a mercoledì corso Carlo Alberto chiude dalle 6 alle 18... prepariamoci

Un esempio per tutti

Così settimana scorsa il gruppetto si è rimboccato le maniche. «Con l’assessore Barbara Fumagalli e la consigliera alla politiche giovanili Elena Pirola, abbiamo organizzato un pomeriggio di “lavoretti”. Ci siamo trovati tutti insieme lo scorso mercoledì pomeriggio per pulire il parchetto di via Toscanini, il cimitero di Villa San Carlo ed eseguire altri piccoli lavori – conclude Colombo – Mi ha fatto molto piacere questa presa di responsabilità da parte di questi ragazzi, pensando poi che è stato un semplice “incidente di gioco” e non un vandalismo. Forse molti adulti avrebbero tanto da imparare da questi giovani».