Crisi Husqvarna a una svolta: lunedì prossimo, 15 luglio, al Ministero del Lavoro verrà esaminata la richiesta di attivazione della cassintegrazione straordinaria per gli 81 lavoratori coinvolti nella procedura di esubero avviata dall’azienda.

I deputati leghisti del territorio hanno presentato un’interrogazione sulla crisi Husqvarna

L’onorevole leghista Roberto Ferrari di Oggiono

Il via libera agli ammortizzatori sociali, richiesti da sindacati e azienda e già passata per il Ministero dello Sviluppo economico, è attesa con ansia dai lavoratori rimasti senza stipendio dal mese di giugno. Intanto la situazione dell’Husqvarna è stata oggetto di un’interrogazione presentata al Ministero del Lavoro dai deputati leghisti del territorio, Roberto Ferrari ed Eugenio Zoffili. “Confidiamo in una conclusione positiva della vicenda Husqvarna di Valmadrera – sottolineano i due deputati –  L’iter per la Cassa integrazione straordinaria è stato avviato grazie alla convocazione di un apposito tavolo al Ministero dello Sviluppo economico voluto fortemente dalla Lega, ma l’obiettivo è e resta quello del 15 luglio, quando verrà presa una decisione definitiva”.

“Il sito produttivo di Valmadrera va mantenuto”

“Monitoriamo ora per ora la situazione affinché questa soluzione diventi davvero una risposta concreta e il sito produttivo venga mantenuto, al di là di chi ne sarà la proprietà. Ricordiamo che 80 dipendenti su 102 rischiano il posto di lavoro. Non possiamo disperdere un patrimonio imprenditoriale e lavorativo come questo, specie in un territorio come la Valmadrera e la provincia di Lecco che, dal 2009 ad oggi, ha già subito un grave impoverimento del proprio tessuto manifatturiero”.