Conclusa “La mia Ucraina”, la mostra che raccoglie le fotografie scattate dai giovanissimi ucraini. Dato il successo, l’istituto di Cassago Brianza darà il via a un nuovo progetto chiamato “Giochi colori fantasia dall’Italia”.

La mostra fotografica “La mia Ucraina”

Si è conclusa la mostra fotografica “La mia Ucraina” esposta presso l’istituto scolastico di Cassago Brianza. L’iniziativa è stata inaugurata lo scorso 11 gennaio da Izhevska Tetiana, ambasciatore di Ucraina presso la Santa Sede dello Stato Pontificio e da Valentina Khutornenko, presidente e nostra partner della fondazione “Pro Infanzia” di Chernihiv.  La mostra è composta da 30 fotografie, realizzate in Ucraina, da giovani dai 7 ai 17 anni di età. Verrà ora esposta nell’atrio del comune di Cassago e visitabile negli orari di apertura al pubblico.  La mostra è stata vista classe per classe da tutti gli alunni, guidati dalla professoressa Sonia Valota. Gli alunni hanno votato le fotografie preferite che saranno poi premiate in primavera durante il prossimo viaggio in Ucraina.

Leggi anche:  Ritardi e bonus: vero disastro sulle linee ferroviarie lecchesi

Il prossimo progetto “Giochi colori fantasia dall’Italia”

L’istituto comprensivo per dar seguito a questa iniziativa, su proposta della professoressa Sonia Valota, organizzerà un concorso fotografico, dal titolo “Giochi colori fantasia dall’Italia”. Tra tutte le foto, ne verranno scelte una trentina che saranno sviluppate, ingrandite ed esposte in una mostra presso una scuola paritetica in Ucraina, nella città di Chernihiv. Durante la mostra gli studenti ucraini voteranno cinque foto, quelle scelte poi saranno premiate con una cerimonia che verrà organizzata in stretta collaborazione con l’istituto scolastico brianzolo.

Ecco le foto premiate

La prima classificata è la “Ragazza pensierosa” di Krachenco Tetyana con 83 preferenze. Medaglia d’argento per “Sul viraggia” di Kyrylov Valentin, con 50 preferenze. Terza sul podio: “Incontro di compagni di classe” di Gykalenko Alla. Quarta in classifica la “Favola da vicino”, quinta ed ultima classificata: la “Serata sul fiume”. Qui sotto in ordine.