Il Circolo Arci Garlate censura i soci maleducati.  Urla, bestemmie ed altre volgarità sono state messe all’indice dal presidente e dal Consiglio direttivo con un cartello di richiamo alla buona creanza.

Circolo Arci richiama i soci

Il cartello fa bella vista di sé da qualche giorno, appeso all’esterno dello stesso circolo. “Il Consiglio direttivo pensa che ci sia tra i  vari compiti anche quello di garantire a tutti i soci che frequentano il circolo un ambiente tranquillo, accogliente e rilassante. Ancor più perché è la richiesta già espressa da molti soci. Si invita perciò a comportarsi  in modo educato  e corretto. Senza urla e bestemmie e volgarità, sintomo di poca educazione. Sicuri della collaborazione di tutti vi ringraziamo”.

Passanti scandalizzati

Il provvedimento si è dunque dato su richiesta degli stessi soci. Ma avrebbe contribuito alla decisione anche lo “scandalo” che le sconcezze verbali hanno causato in tanti passanti. In particolare alle famigliole che frequentano il vicino prato, in zona lago, per godersi la frescura. In presenza anche di bambini risulta  quanto mai molesto udire bestemmie e grida da parte di alcuni anziani che trascorrono il pomeriggio al circolo giocando a carte.

Leggi anche:  Nuovo sportello per l’assistenza legale e sociale al circolo Arci di Calolziocorte

“Circolo Arci luogo tutti”

“Metter questo avviso è stata una decisione sofferta, ma noi dobbiamo salvaguardare l’immagine e le etiche di un circolo  Arci, che deve essere aperto a tutti. Senza subire atti, seppur verbali, di maleducazione”. Così ha commentato il presidente dello stesso circolo Giovanni Canali.

Mario Stojanovic