“Chi vota la Lega non è cristiano” sacerdote lecchese nella bufera. Continua la querelle tra alcuni esponenti del clero lecchese e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Ad aprire la strada era stato don Giorgio de Capitani, sacerdote del la Valletta (che per altro con Matteo Salvini se la dovrà vedere anche in tribunale). Poi a criticare la politica migratoria del leader del Carroccio era stato anche monsignor Gianfranco Ravasi, originario di Osnago, “seguito”  anche da don Cristiano Mauri, rettore del Volta di Lecco che anche questa  settimana ha stigmatizzato  il comportamento del leader del Carroccio durante il raduno di sabato scorso a Milano quando ha invocato la Madonna e ha baciato li Rosario.

LEGGI ANCHE Sacerdoti lecchesi contro Salvini che brandisce il Rosario e invoca la Madonna

“Chi vota la Lega non è cristiano” sacerdote lecchese nella bufera

Questa volta “l’entrata a gamba tesa” che per altro arriva alla vigilia del doppio voto per le elezioni europee e quelle amministrative, è di don Tommaso Nava, vicario parrocchiale e coadiutore dell’oratorio di Valmadrera (città al voto domenica),  nato e cresciuto a Lecco nel rione di Acquate. Il giovane  sacerdote, classe 1983, ha infatti pubblicato l’altra notte un post sulla propria pagina  facebook che non lascia dubbi in merito alle proprie posizioni. Non solo afferma che “chi segue Salvini e la Lega non può dirsi cristiano” ma aggiunge anche che “è immorale votare Lega”.

Leggi anche:  Erba: "Trenord, pessimo biglietto da visita per il Lecchese"

L’onorevole Grimoldi e l’8 per 1000 alla Chiesa

Ovviamente il post non è passato inosservato e ha generato non poche reazioni favorevoli e contrarie,  a Valmadrera e non solo… Sì perchè la presa di posizione di don Tommaso ha addirittura “varcato i confini lecchesi”. Una replica al sacerdote  è arrivata persino dall’onorevole Paolo Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Nord…

 

LEGGI ANCHE Infuria a Lecco la polemica intorno allo striscione “Dal vangelo secondo Matteo: porti chiusi”

La replica del sindaco sceriffo

A “rispondere”, sempre via web al don è stato il “sindaco sceriffo” di Pescate, Dante de Capitani, che dopo aver commentato il post di don Tommaso (“Io voto Lega e mi sento cristiano. Ha scritto bene nella prima riga: un prete non deve fare politica”), ha anche ulteriormente  rilanciato…