Dal 2015 Pierangelo Colombo guida la Cooperativa La Popolare di Lecco, realtà che nel mese di settembre taglierà il prestigioso traguardo dei 100 anni di vita. Una lunga storia di impegno sociale e di ispirazione cattolica che si intreccia profondamente con la vita del nostro territorio.

Presidente come nasce La Popolare?

La nostra Cooperativa è stata fondata nel 1919 come espressione dell’esperienza cattolica all’interno della società. I primi anni del Novecento, infatti, vedono i cattolici agire per creare condizioni di aiuto al popolo attraverso l’assistenza ai poveri e le casse rurali. L’esigenza di permettere alle persone di poter acquistare a prezzi calmierati generi di prima necessità suscita in un gruppo di persone la volontà di dar vita a una cooperativa di consumo.

La vostra è una realtà fortemente radicata nella comunità

Fin da subito diversi parroci furono presenti all’interno del Consiglio di amministrazione, proprio perché la Cooperativa andava a rispondere a una necessità. Oltre a occuparsi di acquistare generi alimentari e alla rivendita a prezzi calmierati, in tutta la sua storia La Popolare ha sempre mantenuto un rapporto molto importante con il territorio e la comunità, infatti si è sempre occupata di dare sostegno alle parrocchie, alle scuole, alle Università, in particolare alla Cattolica, sostenendo anche le colonie marine e poi promuovendo la colonia alla Culmine di San Pietro. Lo spirito era quello di tenere presente qualsiasi necessità.

Oggi i tratti distintivi sono ancora gli stessi?

Siamo stati la prima cooperativa che ha aperto un supermercato a Lecco. Ai nostri tradizionali 4 negozi si sono aggiunti altri 4 che abbiamo avuto in gestione da Conad che è il partner con il quale collaboriamo e che ci permette di avere una presenza di prestigio sul mercato. Lo spirito dell’inizio però non è mai venuto meno, tanto è vero che tramite il comitato esecutivo della Cooperativa vengono decisi momenti di beneficenza nei confronti di soggetti culturali della città.

Sono diverse le realtà che avete aiutato in questi anni

Abbiamo sostenuto tutte le scuole materne, la Fondazione Brandolese (Istituti Scola, Kolbe e Leopardi) per la presenza di una scuola libera nel panorama cittadino, l’associazione musicale Harmonia Gentium, il Cenacolo Francescano e l’orchestra Sinfonica di Lecco. Stiamo anche contribuendo a un progetto di WWF e Parco Monte Barro, oltre a sponsorizzare il torneo di calcio per nazioni “Lecco è mondiale” proposto dalla Pastorale Missionaria. Attraverso l’iniziativa “Adotta un calciatore”, rispondendo a un appello alla città, due anni fa abbiamo anche sostenuto la Calcio Lecco quando rischiava di scomparire. E visti i risultati di quest’anno, è stato quanto meno di buon auspicio.

Che realtà è oggi la Cooperativa La Popolare?

È contraddistinta dagli stessi valori che hanno accompagnato la nostra storia centenaria e che animano chi condivide questa esperienza con il proprio lavoro e il proprio impegno. Come presidente ho raccolto il testimone dai miei predecessori Riccardo Spreafico e Giovanni Bodega, che aprì il primo supermercato al Centro commerciale le Piazze. Un’eredità che discende dal primo presidente Costantino Corti, nominato nel giorno della fondazione il 19 settembre 1919. E proprio il 19 settembre 2019, ricorderemo i 100 anni della Cooperativa con un momento di festa.

Cooperativa La Popolare
L’attuale presidente Pierangelo Colombo

Otto punti vendita nelle province di Lecco, Como e Milano

Lo spirito dei negozi di vicinato e importanti servizi a vantaggio dei propri soci. La Cooperativa La Popolare, con i suoi 8 punti vendita tra le province di Lecco, Como e Milano, da oltre un secolo coniuga la convenienza per i propri associati con l’attenzione alle comunità in cui i negozi sono inseriti. «I nostri soci – spiega il presidente Pierangelo Colombo – continuano a riconoscerci una forte funzione sociale e questo è dimostrato dal rapporto che hanno sempre mantenuto con la Cooperativa, infatti in molti casi ci troviamo di fronte alla seconda, alla terza o addirittura alla quarta generazione che continua a rimanere associata». Diversi i vantaggi che derivano dall’essere socio de La Popolare: «Cerchiamo di promuovere lo spirito di appartenenza: distribuiamo buoni sconto che ogni anno vengono dati esclusivamente ai soci; in Primavera organizziamo l’apprezzata gita sociale che proprio questo fine settimana ci vedrà a Torino; inoltre offriamo la possibilità del prestito soci che permette di poter avere una remunerazione interessante per i propri depositi. Quest’ultima è un’opportunità resa possibile dalla comprovata solidità patrimoniale della Cooperativa, a piena garanzia dei risparmi degli associati». A conferma di ciò, proprio negli scorsi giorni l’assemblea dei soci ha approvato il bilancio annuale 2018 sostanzialmente in pareggio. Tra gli altri servizi offerti dai supermercati gestiti da La Popolare anche la spesa a domicilio: «È una possibilità per chi ha difficoltà a portare pesi, come gli anziani. È un servizio che non si fa telefonicamente, ma direttamente nel punto vendita perché crediamo nel rapporto personale con i nostri clienti, un servizio che qui a Lecco portiamo avanti con Auser». Oggi a guidare la Cooperativa La Popolare è il Consiglio di Amministrazione presieduto da Pierangelo Colombo e composto dal vicepresidente Alberto Cattaneo e dai consiglieri Flavio Annoni, Enrico Monti, Clemente Domenici, Gabriele Perossi, Matteo Canali, coadiuvato dal Collegio Sindacale e dall’Organismo di Vigilanza per un livello sempre maggiore di sicurezza nell’ambito del lavoro, di trasparenza e di efficienza. A dirigere la struttura il direttore Mario Camicia.

Leggi anche:  Attività fisica e benessere: se ne parla a Mandello con il dottor Missaglia e il dottor Bellaria

Una grande famiglia attenta alle necessità dei soci

Una storia lunga cent’anni al servizio delle persone, sempre animati da uno spirito cooperativistico, lavorando per il maggior bene del popolo. È con questo sguardo attento alla gente e alla realtà che ci circonda che la Cooperativa di consumo La Popolare è nata a Lecco il 19 settembre 1919. Una realtà di chiara ispirazione cattolica, fondata da 17 soci che accolsero l’invito di don Battista Resinelli. a dare vita a una cooperativa di consumo necessaria per le classi meno abbienti. Superate le difficoltà della Seconda Guerra Mondiale, La Popolare operò a favore di un’immediata ripresa dell’attività economica ribadendo i propri principi ispiratori. In questo modo continuò la propria espansione fino ad arrivare a gestire nel 1969 ventitré spacci. Per stare al passo con la grande distribuzione e per offrire prezzi più competitivi, nel 1980 venne aperto in Viale Turati a Lecco il primo discount all’italiana destinato alla vendita di prodotti confezionati. Proprio in quegli anni nasce l’insegna SpesaFamiglia che accompagnerà a lungo i punti vendita della Cooperativa. Il 2007 è l’anno che segna una nuova era: viene infatti raggiunto l’accordo di affiliazione commerciale con Conad Centro Nord. Oggi la Cooperativa gestisce otto supermercati a Lecco, Colico, Mandello, Inveruno, Vanzago, Turbigo e Figino Serenza, offrendo opportunità di lavoro a 102 persone. Nel corso della sua storia la Cooperativa è sempre stata protagonista di iniziative dal forte carattere sociale: dalla colonia estiva alla Culmine di San Pietro, al sostegno a iniziative di stampo culturale e per la valorizzazione dell’ambiente, dello sport e dell’integrazione. In questi cento anni La Popolare ha fatto molta strada confermandosi come una realtà che ha attraversato e reso vivo il tessuto sociale ed economico del territorio, continuando la propria attività al servizio delle persone. Essere soci de “La Popolare” significa, quindi, entrare a far parte di un mondo fatto di convenienza, di attenzione ai consumi, di sensibilità verso l’ambiente e di responsabilità sociale verso la comunità.