E’ un voto mai dimenticato quello che ogni anno, la prima domenica di settembre, porta centinaia di Alpini a riunirsi ai Piani delle Betulle, per celebrare la Messa alla chiesetta votiva del 5° Battaglione Morbegno. Quest’anno la cerimonia ha avuto un sapore speciale perché dallo scioglimento di quel voto sono trascorsi sessant’anni.

Celebrato il 60° della chiesetta del 5° Battaglione Morbegno al Pian delle Betulle

Le celebrazioni sono cominciate sabato pomeriggio, quando sono giunti ospiti delle Penne nere in congedo della Sezione di Lecco gli Alpini in armi del glorioso battaglione Morbegno. Ma il clou della cerimonia si è avuto nella mattinata di oggi, domenica , con l’ammassamento alle 10 e la messa alla «Tenda dell’Anima», così come viene chiamata la chiesina, dove sono stati ricordati quei caduti al fronte e chi, tornato in Patria, è andato avanti in tempi più o meno recenti.

Dopo la celebrazione della messa, monsignor Maurizio Rolla ha proceduto alla benedizione delle marmette – con i nomi dei caduti – posate all’interno della chiesetta. Una cerimonia toccante, alla presenza di autorità e parenti, accompagnata dal Coro Grigna e dalla banda sezionale.

Leggi anche:  Il cuore grande degli alpini: donato un gioco ai bimbi dell'asilo

Come sempre la meticolosa regia della manifestazione è stata curata dalla sezione Ana di Lecco, oggi presieduta da Marco Magni. Tante le autorità civili e militari presenti, fra le quali il vice presidente nazionale dell’Ana, Lorenzo Cordiglia, per una partecipata e assolata  giornata di onore e memoria.