Torna il primo marzo 2019 “M’illumino di meno” e la Città di Calolziocorte aderisce alla più celebre campagna di sensibilizzazione radiofonica sulla razionalizzazione dei consumi, lanciata dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2 nel 2005 per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Il Gruppo Civico Cambia Calolzio ha chiesto e ottenuto, per la prima volta nella città, l’adesione a questa importante iniziativa da parte dell’Amministrazione comunale.

La proposta di Cambia Calolzio

“Negli anni l’iniziativa è cresciuta diventando la giornata simbolica del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili con eventi per promuovere concretamente il silenzio energetico attraverso lo spegnimento delle luci di piazze, monumenti e di tante case di cittadini – spiegano i consiglieri di Cambia Calolzio, Diego Colosimo e Daniele Vanoli – L’edizione 2019 è dedicata all’economia circolare in grado di dare alle cose molte opportunità. L’imperativo è riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose, perché le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: bottiglie dell’acqua minerale che diventano maglioni, carta dei giornali che ritorna carta, una cornetta del telefono diventa una lampada, fanghi che diventano biogas.

“Illuminiamo il municipio a colpi di pedalate”

“A Calolziocorte si spegneranno alle ore 19.00 le luci del Palazzo Municipale e insieme agli studenti dell’istituto Fiocchi di Lecco, che da anni portano sul territorio il loro progetto sulle energie rinnovabili, illumineremo a colpi di pedalate il municipio – concludono Colosimo e Vanoli – Invitiamo i cittadini calolziesi a partecipare insieme a questo evento! Per i bambini, posizioneremo anche una bicicletta per illuminare il Resegone”.