Una azienda che ha fatto la storia di Civate e in generale dell’industria del  Lecchese. Una realtà economica e produttiva che nel periodo di massimo splendore dava lavoro a 1300 dipendenti. Stiamo parlando della Black & Decker di Civate. Sabato 120 ex colleghi si sono ritrovati per una grande reunion. Una bella conviviale quella che si è svolta in un ristorante di Almenno San Salvatore in provincia di Bergamo: tra buon cibo e qualche bicchiere di vino a farla da padrone  sono stati ricordi e aneddoti di una vita passata in azienda.

Black & Decker: grande reunion dei dipendenti

La B&D, originariamente Star, venne fondata  da Mario Consigliere nel lontano 1945. Venne poi acquista dalla multinazionale nel 1961 e fino al 1998 il polo produttivo di Civate è stato un fiore all’occhiello del territorio. Dopo la chiusura nel 2013 prese   i via l’operazione di demolizione dell’immobile (28mila metri quadrati) in pieno centro che è stato definitivamente raso al suolo nel 2014.

“Star – Black & Decker a Civate 1945 – 1998. Un’azienda, una paese, una storia”

All’azienda è stato anche dedicato in libro “Star – Black & Decker a Civate 1945 – 1998. Un’azienda, una paese, una storia” realizzato dallo storico civatese Carlo Castagna per Teka Edizioni.

Nello scorrere degli anni infatti ha acquisito un significato decisamente più profondo, coinvolgendo l’esistenza di Civate e dei suoi abitanti e scandendo, per decenni, i ritmi di vita di un’intera comunità.
La maggior parte degli abitanti del piccolo borgo, compresi coloro che sono nati e cresciuti nel dopoguerra insieme a questa realtà industriale, ha accolto con un senso d’incredulità e sgomento la notizia della demolizione dello stabile dove ebbe sede l’azienda elettromeccanica. Civate, nel dopoguerra, era ancora un paese prevalentemente agricolo, ma da allora la Star lo trasformò con la dedizione e la tenacia dei suoi operatori nella realtà industriale più importante e moderna del territorio, distinguendosi sul mercato italiano non solo per i suoi prodotti, frutto di una tecnologia avanzata, ma anche per una innovativa politica commerciale. Nell’ottica di percorrere e di valorizzare il ruolo che ha avuto la Star – Black & Decker per il territorio lecchese, è nata l’idea di realizzare una pubblicazione che ne raccontasse la storia divenuta leggendaria, dalla metà dei difficili anni ’40 alla repentina chiusura avvenuta al termine degli anni ’90. L’opera vuole rispondere alle curiosità dei più piccoli e forse anche di chi, un po’ più grande, non ha che il ricordo di un vecchio stabile triste e abbandonato, che ora ha lasciato il posto a una grande area vuota ma densa di storia.