Una scelta azzardata e certamente discutibile quella presa dalla rivista Zitty che per annunciare l’esordio della serie dedicata a Rocco Schiavone ha messo a grandi caratteri una bestemmia.

Bestemmia in copertina

Sulla copertina dell’inserto “Fernsehen” si legge “Porca M#####a ein mord (un omicidio)”, scritto a caratteri cubitali sullo sfondo dove compare la foto dell’attore Marco Giallini interprete del vicequestore Rocco Schiavone. Come spiegano i colleghi sul portale www.aostasera.it, il telefilm, basato sui romanzi di Manzini caratterizzati da uno stile politically incorrect, racconta le vicende del vicequestore originario di Roma ma in esilio ad Aosta.

Polemiche anche in Italia

Rocco Schiavone è stato al centro di molte polemiche anche in Italia per i metodi discutibili con la quale agisce mettendo in cattiva luce a volte l’intero corpo di Polizia. Basti pensare che per il personaggio di fantasia consideri l’omicidio tra le noie più grandi che gli possano capitare, al punto da meritare il decimo livello della sua personale lista di “rotture di coglioni”.

Leggi anche:  Gravi problemi di ricezione per il segnale Rai: a Ballabio lavori in corso

Scelta discutibile

Resta discutibile comunque la scelta del titolista tedesco che per annunciare l’inizio della serie abbia deciso di utilizzare una frase che l’attore non pronuncia mai in nessuna delle puntate delle due stagioni andate in onda su Rai 2.