La Lega di Merate annuncia uno stanziamento di risorse per l’Asst di Lecco di oltre sei milioni di euro.

Sei milioni dalla Regione per l’Asst di Lecco

Sei milioni di euro stanziati per l’Asst di Lecco. Ad annunciarlo con un comunicato stampa è il segretario della sezione cittadina della Lega Franco Lana. “Regione Lombardia ha dato seguito ad un ulteriore stanziamento di 83 milioni di euro di risorse per il sistema sanitario regionale mediante delibera n. XI /2468 dello scorso 18 novembre – scrive Lana – La Asst di Lecco di cui il Mandic di Merate fa parte beneficerà di oltre 6 milioni di euro di investimenti. Circa un milione verrà utilizzato per analisi di vulnerabilità sismica di tutte le strutture presenti sul territorio. La parte più cospicua sarà suddivisi tra rinnovamento tecnologico di alto profilo (1,5 milioni), di basso e medio profilo tecnologico (900 mila euro) mentre quasi 1,5 milioni saranno investiti per il miglioramento, l’innovazione e l’integrazione delle tecnologie e l’implementazione dei moderni sistemi di pagamento tramite sistemi PagoPA e Mypay”.

Leggi anche:  Con il Giornale di Merate in regalo un allegato sui 40 anni di storia della Brianza

Obiettivo abbattere le code alla prenotazione degli esami

“In particolare questi ultimi investimenti, una volta a regime, consentiranno minori tempi di attesa e la velocizzazione dello smaltimento delle code per la prenotazione delle prestazioni. Mentre alcuni si affannano a rilanciare dubbi sulla tenuta e centralità del Mandic per Merate e il suo territorio, la Lega in Regione Lombardia continua ad investire soldi sulla sanità locale, una cui parte andrà a beneficio dei cittadini meratesi e non solo, che quotidianamente usufruiscono dei servizi sanitari offerti dall’ospedale cittadino. Certo, tutto è sempre migliorabile e noi proseguiremo ad adoperarci in tal senso. Noi alle parole e alle assemblee in cui si continua a ripetere che si tratta solo di propaganda politica, preferiamo i fatti concreti. E quale migliore risposta potremmo dare se non con i numeri di questo nuovo ulteriore piano di investimenti?”.