Si è scelto il 6 dicembre, giorno dedicato al Santo Patrono della città, per inaugurare questa bella iniziativa. Nel Palazzo Civico, luogo simbolo del rione San Giovanni, troveranno ora spazio Auser e Anteas per realizzare un polo di servizi integrato per la popolazione anziana del territorio di Lecco, che si chiamerà “La terza età per la città”.

La storia dell’edificio

La palazzina ha una lunga storia. È nato come Palazzo Civico che raggruppava i due cardini della vita comunitaria: il comune e la scuola. Per tutto il Novecento è stata il simbolo dei contraddittori eventi della storia. Prima laboratorio del divenire e delle speranze di progresso ed innovazione, poi sede di un regime che ha cancellato ogni libertà. Centinaia di ragazzi, sin dalla fine dell’Ottocento hanno frequentato queste aule. Prima la scuola primaria, le elementari, e poi, dopo l’edificazione del nuovo plesso, la scuola materna. Queste mura vivono nella memoria di tutti gli abitanti di San Giovanni, dal momento che intere generazioni hanno qui condiviso l’impegno dell’apprendere. Negli anni più recenti l’edificio viene dismesso e tra le sue mura non viene più svolta attività didattica, ed è qui che nasce l’idea di un suo impiego in attività di tipo sociale.

La Casa della Solidarietà e della Terza Età

“È un momento molto importante e significativo per Auser – sottolinea la presidente Auser Provinciale di Lecco Luisa Ongaro -, il percorso di strutturare uno spazio più adeguato a operare, rispondendo ai bisogni, sempre crescenti, della popolazione anziana e dei soggetti più fragili, vede la sua realizzazione. Si vuole offrire anche un nuovo modo di pensare il rapporto con la comunità, in uno spazio aperto e accogliente, dove essere a contatto, sempre più, con le persone. Un modo innovativo di lavorare insieme che, unendo competenze ed esperienze di ciascun soggetto, in un grande ambiente dove associazioni come Auser e Anteas, con le stesse finalità e obiettivi, con i servizi comunali, sperimenteranno una sinergia di intenti e di progettualità. Un traguardo veramente ambizioso, possibile solo con l’aiuto ed il sostegno di tutti quanti hanno creduto in questo progetto”.

Leggi anche:  Anche a Lecco venerdì il secondo “Sciopero Mondiale per il Futuro”!

L’inaugurazione

La giornata del 6 dicembre sarà così articolata. L’evento prenderà inizio alle 14.45 con i canti dei cori Auser e Anteas, mentre all’intervento del sindaco di Lecco, Virginio Brivio, seguirà quello dell’assessore alla cultura del Comune di Lecco, Simona Piazza. Alle 15.30 monsignor Davide Milani, coadiuvato dal parroco del rione Don Claudio Maggioni, avvierà la cerimonia di benedizione della sede, mentre alle 15.45 avverrà il taglio del nastro a cura del sindaco di Lecco, del presidente Auser Provinciale di Lecco Luisa Ongaro ed Emilia Spreafico, presidente Anteas Provinciale di Lecco. Al momento seguirà un rinfresco.