Ancora violenza sui treni lombardi, tenta di violentare una 22enne: arrestato. Come riporta il nostro portale  giornaledeinavigli.it il terribile episodio è avvenuto a Trezzano.

Tenta di violentare una 22enne sul treno: arrestato

Si è seduto davanti alla ragazza, una studentessa di 22 anni che viaggiava sul treno regionale che segue la tratta Albairate-Seregno. Ha iniziato a masturbarsi, guardando sul telefonino video porno. La giovane si è alzata per cambiare posto ma lui, un ragazzo egiziano di 21 anni, l’ha afferrata, l’ha spinta e ha iniziato a toccarle il seno. Poi le ha infilato una mano tra le gambe e ha provato a sfilarle i pantaloni. Un attimo prima di commettere lo stupro, la giovane è riuscita a divincolarsi, si è allontanata e ha chiamato aiuto, ma il treno, che viaggiava nel pomeriggio, era mezzo vuoto. Ha telefonato al 112 e i carabinieri di Trezzano comandati dal maresciallo Michele Cuccuru, in sinergia con i militari di Corsico guidati dal capitano Pasquale Puca, si sono presentati alla stazione di Trezzano, dove si sarebbe fermato il treno.

LEGGI ANCHE  Violenza sui treni | Forze dell’ordine riunite in Prefettura a Lecco

Fermato alla stazione di Trezzano

Il giovane ha provato a scappare, ma i carabinieri lo hanno inseguito e placcato prima che potesse far perdere le proprie tracce. Lo hanno strappato dalle mani della folla che voleva linciarlo e lo hanno portato direttamente al carcere di San Vittore a Milano.

Leggi anche:  Superenalotto: vinti oltre 35mila euro a Mandello

Militari suo treni, anche nelle linee lecchesi

Tante le reazioni suscitate dal terribile episodio, a partire da quella dell’assessore regionale Riccardo De Corato che è tornato a chiedere  l’utilizzo dei militari sulle tratte a rischio in attesa dell’arrivo dei nuovi agenti annunciati dal Ministro Salvini.

LEGGI ANCHE  Treni: Fontana indica a Salvini le tratte più a rischio BEN DUE QUELLE LECCHESI

“Dei 69 nuovi agenti annunciati dal Ministro degli Interni,  alcuni verranno destinati al controllo della rete ferroviaria – ha dichiarato l’assessore De Corato. Su queste linee andrebbero intanto utilizzati i militari per evitare che episodi del genere possano ripetersi” sottolinea De Corato. “”Regione Lombardia ha censito l’indice di pericolosità delle linee ferroviarie lombarde – ha aggiunto l’assessore regionale – individuando le seguenti come le più pericolose: oltre la linea S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), dove è avvenuto questo episodio di violenza, la linea S8 (Milano-Carnate-Lecco) e Valtellina, la linea S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano), la Mortara-Milano, la Voghera-Pavia-Milano (episodi del sabato sera), la Domodossola-Arona-Milano, la Milano-Carnate-Bergamo”.