Il Presidente di Anci Lombardia e sindaco di Lecco Virginio Brivio parteciperà dopodomani,  domenica 12 maggio 2019, a Milano, alla 92° Adunata degli Alpini. Il Presidente Brivio insieme al Vice presidente di Anci Nazionale On. Roberto Pella e al Presidente del Consiglio Nazionale di Anci Enzo Bianco rappresenterà l’Associazione Nazionale dei Comuni, che per la prima volta partecipa all’Adunata degli Alpini.

LEGGI ANCHE 71 gruppi alpini lecchesi pronti a sventolare il tricolore a Milano per l’Adunata del Centenario

Anci Lombardia all’Adunata Alpini

Brivio, a rappresentanza di Anci Lombardia, sfilerà domenica a partire dalle 9 nel Primo settore che partirà da Corso Venezia. Il Gonfalone dell’Anci Nazionale sarà condotto lungo il percorso da tre Alfieri provenienti dalle sezioni di Milano, città che ospita l’Adunata, Bergamo che ospita la sezione più numerosa di Alpini e Lecco in onore dell’ex presidente dell’ANA Ugo Merlini.

Brivio: “Un grande onore”

“È per me un grande onore – ha spiegato il Presidente Brivio – sfilare insieme a migliaia di Alpini per un’occasione così importante. È proprio Milano infatti che 100 anni fa ha dato i natali all’Associazione Nazionale Alpini ed è la nostra regione con i suoi Comuni che ha espresso in questo importante arco di tempo il numero maggiore di Presidenti”.

Leggi anche:  Sale la febbre derby lariano: domani il Lecco tenterà di espugnare Como

L’alleanza tra Anci e Ana

“I Comuni lombardi – ha aggiunto Brivio – non potevano mancare a questa manifestazione così importante per un’Associazione il cui impegno civico tanto si avvicina a quello dell’Anci. Una sintonia di intenti suggellata da Anci e ANA solo alcune settimane fa con la sigla di un protocollo che formalizza l’impegno comune su determinati temi. Con il documento condiviso, Anci e ANA hanno inteso avviare, infatti, ciascuna nell’ambito dei rispettivi ruoli e compiti istituzionali, una fattiva collaborazione in tema di protezione civile e di sicurezza urbana. In particolare le due associazioni si impegnano ad individuare e sviluppare un programma di azioni comuni che individui una migliore e più efficace azione, sia in un’ottica preventiva che di intervento emergenziale, al fine di concorrere nel garantire sicurezza e protezione ai cittadini”.