Una minaccia per i  «cugini» italiani, che rischiano sempre di più di sparire, e in generale per l’ecosistema locale: scatta l’allarme per la presenza del «gambero killer» nel fiume Gandaloglio.

Allarme “gambero killer” nel Gandaloglio

L’allerta è stata lanciata sui social network dai pescatori della zona, che hanno riferito della presenza nel torrente di diversi esemplari di gambero della Louisiana, crostacei molto aggressivi che minacciano le altre specie presenti nei fiumi e nei laghi.
Si tratta di una specie alloctona, che, come rivela il nome, è originaria delle aree palustri e fluviali degli Stati Uniti centro-meridionali e del Messico nord-orientale.

Il biologo

“Da un decennio il gambero della Louisiana è presente nelle nostre zone, come nel lago di Annone – spiega il biologo Alberto Negri – Si tratta di una specie molto invasiva, di predatori che tolgono alimenti e minano soprattutto la sopravvivenza dei nostri gamberi di fiume autoctoni che vanno tutelati”-

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola dal 22 luglio. (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store).

Leggi anche:  Quando Felice Gimondi inaugurò la pista ciclabile di Calusco FOTO