Presentati ufficialmente quest’oggi i quattro nuovi primari assunti dall’Asst di Lecco in forza ai presidi ospedalieri Manzoni e Mandic.

Quattro nuovi primari

Giannantonio Spena è il nuovo direttore della Neurochirurgia, Fabio Lombardi della nuova Unità operativa complessa di Continuità Clinico Assistenziale. La dottoressa Maddalena Satta, che assume la direzione dell’Otorinolaringoiatria, è  al momento l’unico primario donna. Ad essi si aggiunge Giovanni Rossi, già a capo della Chirurgia vascolare come facente funzioni, oggi a pieno titolo primario dello stesso reparto.

Il neurochirurgo

Spena, origini napoletane, 43 anni, arriva dagli Spedali civili di Brescia dove era dirigente medico di primo livello. Ha prospettato un potenziamento del lavoro d’equipe multidisciplinare. Questo nella chirurgia più complessa, con nuove tecniche di intervento su tumori cerebrali ed extracerebrali. Ma anche nella cura di patologie più ordinarie, a partire dal mal di schiena. Senza dimenticare il supporto ai colleghi specialisti neurovascolari nel trattamento di ictus e aneurismi. ”

Continuità di cure fuori dall’ospedale

Per il dottor Fabio Lombardi  si tratta di un ritorno a casa. Negli anni Novanta aveva iniziato la carriera al Mandic di Merate. “Dieci anni fa ho fatto la scelta di conoscere altri percorsi di cura extra ospedalieri, domiciliari”. Il suo primariato, al dipartimento di COontinuità clinico assistenziale, è la vera novità, che recepisce il nocciolo della Riforma sanitaria lombarda. Ovvero la cura del malato cronico dopo la fase dell’acuzie trattata in ospedale. Si tratta di organizzare nuovi percorsi di dimissione “protetta”. Ma anche di valorizzare le professionalità infermieristiche già presenti. Il Difra (dipartimento fragilità) dell’Asst di Lecco è già un’eccellenza, ma resta molto da fare.  Attualmente sono trecento al giorno i pazirnti cronici in cura all’Asst di Lecco. In gran parte si tratta di anziani.

Leggi anche:  II Trofeo Vespistico del Mezzogiorno “Caserta-Bari”: presenti anche due lecchesi

L’unica donna

E’ un centro per la cura delle sordità il progetto accarezzato dalla dottoressa Maddalena Satta. Classe 1967, cagliaritana,  si è specializzata in chirurgia oncologica e microchirurgia dell’orecchio agli Ospedali Riuniti di Bergamo.  Guiderà l’otorinolaringoiatria sia all’ospedale di Lecco che in quello di Merate. Con lei il robot da Vinci già in dotazione al presidio lariano potrebbe trovare nuove occasioni di impiego nella otorinolaringoiatria.

“Nuova linfa per i reparti”

“Nuova linfa ed entusiasmo nei reparti”. Così il direttore generale dell’Asst Lecco Stefano Manfredi ha definito i nuovi acquisti. Per completare le assunzioni autorizzate dalla Regione nel 2017 manca ora soltanto un primario per il Servizio Dipendenze. La nomina è attesa per la prossima settimana, come ha fatto sapere  Il direttore sanitario  Flavia Simonetta Pirola. Intanto Manfredi ha ricordato che l’Asst ha già chiesto “con anticipo” alla Regione anche il nulla osta per i primariati recentemente rimasti scoperti a causa del pensionamento o del trasferimento dei titolari. Lungo l’elenco, in tutto si tratta di sei turn over: Pediatria, Oculistica, Medicina trasfusionale, mentre Medicina generale lo sarà dal prossimo 31 ottobre.

da sinistra dottor Giannantonio Spena, il dg Stefano Manfredi, Fabio Lombardi, Flavia Pirola, Maddalena Satta, Frisone