La direzione di Aerosol non sta tenendo fede ai propri impegni: gli stipendi arretrati non sono stati corrisposti, per questo i dipendenti dell’azienda di Valmadrera sono in sciopero da tre giorni. La situazione è riassunta nel comunicato diramato in serata dai Sindacati.

Il comunicato dei Sindacati su Aerosol

L’assemblea dei dipendenti Aerosol, preso atto che l’impegno della Direzione Aziendale di corrispondere regolarmente gli stipendi non è stato mantenuto, ha deciso di proclamare la totale astensione dalla prestazione lavorativa a partire dal giorno lunedì 4 giugno 2018.

Ad oggi, mercoledì 6 giugno, dopo tre giorni di sciopero, l’Azienda non ha ancora comunicato se e quando pagherà le mensilità arretrate e, di conseguenza, lo sciopero non è stato interrotto.
L’attività produttiva, sospesa da quattro mesi, non è quindi in condizione di riprendere perché le maestranze non hanno intenzione di rientrare in azienda fino a quando non verranno pagate le mensilità promesse.

E’ del tutto evidente che, in una situazione così complessa e difficile, la mancata ripresa dell’attività produttiva rischia di vanificare tutto il lavoro svolto e i sacrifici sopportati dai lavoratori al fine di salvaguardare i propri posti di lavoro.

Se la proprietà non provvederà a recuperare una situazione che sta diventando via via sempre più drammatica, i lavoratori ne trarranno le dovute conseguenze e metteranno in campo tutte le iniziative possibili.

FEMCA – FILCTEM – UILTEC LECCO
RSU AEROSOL SERVICE

Leggi anche:

Leggi anche:  Il campo AGGRATIS anche al Giglio di Pescarenico
La luce in fondo al tunnel
Si apre uno spiraglio per Aerosol
Azienda ancora chiusa, Sindacati: “Proprietà non onora gli impegni”
Continuano le trattative
Riparte domattina con il pagamento della quattordicesima
Ennesimo presidio dei lavoratori per chiedere chiarezza e giustizia
I dipendenti chiedono un passo avanti concreto