Adotta una famiglia è il nome di un progetto ormai giunto al suo settimo anno di vita, nato su iniziativa congiunta di Comune e Parrocchia di Osnago per fornire aiuto alle famiglie più povere. Le prossime raccolte verranno effettuate il 6 aprile, il 4 maggio, il 1 giugno e il 6 luglio.

Le origini e il successo di Adotta una famiglia

Il programma vide per la prima volta la luce il 17 ottobre 2011, in periodo di piena crisi economica e fu creato con l’intento di sostenere le famiglie – la maggior parte delle quali con minori – in povertà e in difficoltà, scopo per cui si prodiga ancora oggi. I cittadini si sono dimostrati ben disposti fin da subito a dare il loro contributo e ne è derivato un grande successo: dalla fondazione al 2018 sono stati raccolti complessivamente 85mila euro in sussidi economici ad opera di donatori e borse alimentari dal valore di 68mila euro, composte per metà grazie alle raccolte alimentari mensili alla Coop-Conad e per metà grazie ad aiuti Agea e Banco Alimentare.

Come agisce concretamente

Quanto raccolto ogni mese dai volontari in piazza Vittorio Emanuele viene integrato da quanto fornito da Banco Alimentare e dall’Unione Europea. Gli alimenti vengono consegnati due volte al mese alle famiglie in difficoltà, le quali vengono individuate e selezionate secondo criteri di reddito e bisogno da una commissione congiunta formata dai rappresentanti di Comune e Parrocchia. Il buon andamento del progetto è interamente dovuto alla generosità dei contribuenti, alla disponibilità di decine di preziosi volontari e alla magistrale regia di una commissione tecnica, composta dall’assessore ai servizi sociali, dall’assistente sociale del comune di Osnago e da due rappresentanti dell’associazione parrocchiale di volontariato “Il Pellicano”, che si occupa di vagliare richieste e situazioni per dispensare aiuti in modo mirato, volto a responsabilizzare e attivare i beneficiari.

Leggi anche:  Ad Trenord in Consiglio regionale: le linee lecchesi sono le peggiori in Lombardia

Donare con la spesa

Grazie alla collaborazione con Conad i clienti possono sostenere con la loro spesa la colletta alimentare scegliendo tra due alternative: devolvendo interamente o in parte i punti accumulati sulla tessera personale ad “Adotta una famiglia” oppure chiedendo al personale alla cassa di donare direttamente i punti della spesa. Le prossime raccolte verranno effettuate il 6 aprile, il 4 maggio, il 1 giugno e il 6 luglio.

Da un progetto a una rete di iniziative

Con il passare del tempo e per merito del favore dimostrato nei confronti dell’iniziativa, da essa si sono diramati nuovi progetti che agiscono specificatamente in diversi ambiti. Sportello Incontralavoro aiuta persone disoccupate nella ricerca di un lavoro, Libera i Libri è un mercatino che si dedica alla compravendita di libri scolastici usati, Da Studente a Studente offre un programma di supporto rivolto agli alunni delle scuole medie appartenenti a famiglie in difficoltà; si appoggia a studenti universitari, che ricevono buoni spesa per gli studi in cambio del loro contributo. Il più recente, Borse Sociali Sport, è nato nel 2018 con la collaborazione delle società sportive Audace (calcio) e Cpo (basket e pallavolo) e ha l’obbiettivo di erogare contributi per favorire l’iscrizione di minori alle attività sportive, veicolo di inclusione sociale, responsabilizzando le famiglie mediante la compartecipazione alle spese.