Adeguamento banchine ferroviarie: al via i lavori sulla Monza-Molteno-Lecco. Lo comunica Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del Partito Democratico.

Adeguamento banchine ferroviarie

«Di nuovo al lavoro anche per la Brianza lecchese» spiega il neo rieletto parlamentare.

«Dopo diversi confronti con i vertici RFI, mi è stato confermato che, entro l’estate, prenderanno il via i primi lavori per l’adeguamento delle banchine ferroviarie di diverse stazioni delle province di Lecco e Monza-Brianza. Come promesso in campagna elettorale, l’impegno per il mio territorio riparte quindi da una delle questione che maggiormente mi erano state sollecitate. Ovvero la riqualificazione della linea ferroviaria Monza-Molteno-Lecco».

Strutture al momento inadeguate

Fragomeli spiega come «a breve, avranno inizio i lavori per l’allungamento di quelle banchine. Infatti a seguito dell’adozione di nuovi convogli più lunghi rispetto al precedente “Besanino”, risultano al momento essere inadeguate. Le stazioni interessate saranno, inizialmente, quelle di Cassago Brianza-Bulciago-Nibionno, Costa Masnaga e Macherio. Entro il 2019, poi, avranno luogo i lavori per l’adeguamento delle stazioni di Molteno, Sala al Barro-Galbiate, Civate e Carate.

In arrivo anche il sottopasso

Da sottolineare inoltre che Molteno vedrà finalmente anche la realizzazione dell’atteso sottopassaggio e dei relativi marciapiedi per l’attraversamento in sicurezza dei binari. Per queste opere, sono già stati stanziati un totale di 9 milioni di euro.

Leggi anche:  Jack Pepper protagonista "piccante" su Rai uno

E’ solo l’inizio

«È chiaro» prosegue Fragomeli «come tutto questo rappresenti solo l’inizio di un percorso in cui le questioni da affrontare saranno davvero tante. Il prossimo passo, ad esempio, sarà quello di intervenire sulla rimozione della bariere architettoniche che attualmente impediscono alle persone portatrici di disabilità di poter salire e scendere agevolmente dalle carrozze ferroviarie».

Sul tavolo della discussione anche l’aumento delle corse

«Con i funzionari e i dirigenti di Rete Ferroviaria Italiana, inoltre, abbiamo naturalmente affrontato anche i temi dell’aumento delle corse, della gestione degli interscambi e della messa in opera di tutta una serie di interventi necessari a migliorare i servizi a disposizione dei lecchesi e dei monzesi che quotidianamente devono spostarsi verso e da Milano. La gestione della progettazione e della realizzazione di tutto ciò, come è ovvio, dovrà necessariamente essere condivisa con gli amministratori locali e con i sindaci di tutti i paesi interessati dal passaggio della linea Monza-Molteno-Lecco: un grande lavoro comune che si rivelerà fondamentale per stabilire priorità, tempistiche e, non ultimo, il reperimento delle risorse finanziarie necessarie».