Abbandonata e “lanciata” in un giardino gattina rimane infilzata in una siepe. La micia, di poche settimane di vita, è stata salvata dai padroni di casa dopo diversi tentativi.

Gattina rimane infilzata in una siepe

Per giorni l’hanno sentita miagolare. Ma la cucciola si nascondeva, forse per paura di essere maltrattata ancora. Poi finalmente l’hanno trovata: una batuffolo grigio  ferito un maniera grave dopo essere rimasti infilzato con una zampina nella siepe.Era stato lanciato nel loro guardino di Novate, frazione di Merate. Ora la micia è in via di guarigione grazie alle provvidenziali cure disposte dal veterinario che l’ha visitata.

Un episodio purtroppo non isolato.

Non per altro è la prima volta che i residenti in quella zona di Novate si trovano gattini lanciati da auto in corsa nei propri giardini. Un gesto indegno favorito anche dalla mancanza di illuminazione che di notte immerge metà strada nel buio.

Cosa dice la legge

L’abbandono di animali è una fattispecie prevista dal codice penale. E’ un reato previsto all’articolo 727 c.p.: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”.

Leggi anche:  Casa della Montagna di Amatrice: all'inaugurazione la mostra dedicata a Riccardo Cassin

Non è solo il codice penale però a occuparsi dell’abbandono e del maltrattamento degli animali. Nel 2004, con la legge 189, il legislatore ha inserito nel nostro ordinamento giuridico una regolamentazione più cogente che riguarda proprio la tutela degli animali. In questa legge è l’articolo 544-ter che prevede una sanzione più grave e introduce il reato di maltrattamento degli animali, i “delitti di uccisione di animali”, il divieto di spettacoli che provochino sofferenza e di combattimento tra animali.

 

Tutti i particolari sul  sul Giornale di Merate in edicola da oggi,  29 ottobre 2019 (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Merate” dallo store)