“Rimango stupito da certe affermazioni soprattutto da chi promuove un percorso spirituale che dovrebbe essere rivolto all’evoluzione dell’essere umano e non ad alimentare discriminazione e divisione. Parole che rievocano il medioevo e che suonano come liste di proscrizione”. Ad intervenire sulla vicenda del corso di meditazione vietato ai “gay praticanti” è Raffaele Erba, consigliere regionale del M5S Lombardia.

LEGGI ANCHE Corso di meditazione a Lecco? Se sei gay puoi partecipare solo se ti astieni…

Corso di meditazione vietato ai “gay praticanti”

“Regione Lombardia deve prestare più attenzione nel concedere patrocini per non legittimare chi , con pessime dichiarazioni, ci sta facendo fare un grosso passo indietro nei diritti civili” aggiunge il pentastellato. Come segnalato dall’associazione Lgbt Renzo e Lucio infatti la discussa iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Pirellone e anche dell’Amminiztrazione provinciale di Lecco.  “Chiediamo la revocare del patrocinio e le scuse formali da parte del Presidente Fontana per la pessima figura che Regione Lombardia sta facendo”.

Leggi anche:  Notturni Lombardi: buona la prima