Soldi restituiti. E nasce un’amicizia al distributore di benzina. Protagonisti di questa bella storia sono Efrem Brambilla, giovane sindaco di Santa Maria Hoè e Jean Best, un ragazzo straniero conosciuto casualmente nell’hinterland milanese. E dotato di grande senso di riconoscenza.

Soldi restituiti, nasce un’amicizia

A raccontare la storia è stato proprio il sindaco di Santa Maria Hoè sulla sua pagina Facebook. Sulla quale è solito tenere aggiornati i suoi concittadini anche sulle scelte amministrative del paese. Questo il racconto dell’episodio dal finale davvero speciale. “Qualche giorno fa mi son fermato ad un distributore di benzina a Quarto Oggiaro, nei pressi della abitazione della mia fidanzata Eleonora – ha spiegato Brambilla –  Ho inserito 5 euro, ma subito il ragazzo in fotografia mi ferma dicendomi che la pompa aveva dei problemi e che lui stesso aveva appena inserito una banconota da 5 euro, tuttavia il carburante non gli era stato erogato. Ho notato sul display che purtroppo i 5 euro di entrambi erano stati cumulati ad una cifra di 10 euro. Annullo immediatamente l’operazione ed attendo che esca lo scontrino. Non avendo con me altri contanti ed avendo invece molta fretta lascio lo scontrino dal valore di 10 euro al ragazzo, ma lui mi chiede il numero di telefono e promette di restituirmeli al più presto! Sinceramente ero convinto, vista la piccola cifra, che non lo avrei mai più rivisto… Ma dopo qualche giorno mi chiama, mi chiede dove mi trovo ed in un lampo arriva in auto, mi restituisce i 5 euro. Lo ringrazio, gli faccio qualche domanda e lui risponde: “Ciò che conta tra le persone sono questi gesti”.

Una storia già diventata “virale”

La storia di Efrem Brambilla, seguitissimo su Facebook, è presto diventata virale. In molti hanno apprezzato il gesto di questo ragazzo conosciuto per caso. A un distributore di benzina. Questa dunque la conclusione del sindaco di Santa Maria Hoè: “Una bellissima frase, Jean Best, che conserverò con me. Non è affatto vero che Milano è una città grigia ed imbruttita, visto che vi si trovano milanesi in gamba come te! W Milano e W i milanesi! Grazie di tutto! Buon viaggio, hermano querido, buon cammino ovunque tu vada, forse un giorno potremo incontrarci di nuovo lungo la strada…”.

Leggi anche:  Le richieste dei pendolari all’assessore ai Trasporti Claudia Terzi