100 giorni dall’intervento: dopo il trapianto la piccola Laura sta bene

Il trapianto

Sono passati cento giorni dal delicato intervento chirurgico durante il quale la piccola Laura Tuseo di Ballabio  ha ricevuto il midollo dalla sorellina Maddalena. Lo scrive sulla sua pagina Facebook «Aiutiamo Laura e Maddy a sorridere» la mamma, Stefania innocenti che così commenta: «Ed eccoci qua al primo vero e importante traguardo, i primi 100 giorni dal trapianto. Laura sta bene e migliora ogni giorno, i dottori sono contenti dei suoi esami e pensano in un nostro possibile rientro a casa nelle prossime settimane».

Un grande storia d’amore

La storia è quella della famiglia ballabiese, papà Manuel Tuseo, mamma Stefania, la piccola Laura affetta da Scid, una rarissima sindrome, e della sorellina Maddalena di due anni che le ha donato il midollo osseo per salvarle la vita. Tutto è cominciato quattro mesi dopo la nascita di Laura con una grave infezione, poi una polmonite e quindi i sanitari hanno scoperto che il sistema immunitario non funzionava adeguatamente. L’intervento di trapianto del midollo è avvenuto agli «Spedali Riuniti» di Brescia. Ora che tutto sta andando per il meglio c’è un po’ di impazienza aggiunge la ballabiese.

La speranza e in ringraziamenti

«Noi continuiamo ad incrociare le dita. Ma prima di tutto è necessario un ringraziamento a tutto il personale medico del centro trapianto di Brescia, della Rianimazione pediatrica di Brescia, all’associazione Abe, al personale medico dei reparti di Pediatria e Terapia intensiva dell’ospedale Manzoni di Lecco e ai primari dottor Porta e dottor Bellú».

Leggi anche:  “La montagna scintillante”: il racconto inedito di Walter Bonatti in libreria

La gara di solidarietà

Nel frattempo continua la gara di solidarietà per aiutare la famiglia. L’iniziativa, lo ricordiamo, ha preso il via il giorno di Natale, promossa dai colleghi di Stefania Innocenti. La donna infatti è molto conosciuta e stimata per essere un’insegnante della scuola elementare del paese e proprio dalle colleghe, ma anche dai genitori dei suoi alunni ha preso il via la raccolta fondi. Aggiunge mamma Stefania: «Un grazie sincero e immenso va a tutte le persone che ci hanno sostenuto e ci sono state vicine in tutti i modi possibili: amici, conoscenti, sconosciuti, associazione comunale Aido di Ballabio, il comune di Ballabio, la scuola primaria di Ballabio, il bar Zapelli e la comunità del Porto! Un sincero grazie e speriamo di tornare presto a casa!».

Il conto corrente

Per chi volesse aiutare questa famiglia a sostenere le spese è stato aperto un conto corrente intestato a Manuel Tuseo IT14F0569622900000006604X48.