La scorsa settimana nella sala parrocchiale di Bonacina, si è tenuto l’incontro di informazione e ascolto rivolto ai cittadini del rione, un format che sarà ripetuto a Laorca mercoledì 19 alle 21 nella ex scuola Pio XI.

Prosegue il tour della Giunta nei rioni: dopo Bonacina tocca Laorca

“Durante il partecipato dibattito, al quale ho preso parte insieme agli assessori Nigriello, Bolognini, Mariani e Valsecchi, si è parlato del futuro del campo sportivo polifunzionale (per il quale i residenti hanno espresso entusiasmo), dei progetti sociali in atto in via Movedo e via Torricelli e delle sorti dell’area ex polverificio Piloni, nuovo polo residenziale, per il quali gli abitanti del rione hanno chiesto di prestare un’attenzione particolare all’aspetto viabilistico” spiega il sindaco Virginio Brivio. “Sul fronte dei posti auto, per ciascun appartamento sarà ricavato un box, che si aggiungerà ai posteggi pubblici che verranno resi disponibili, insieme a un parco giochi, per una porzione di Lecco che può e deve aprire le porte alle nuove giovani famiglie, con benefici per la comunità e le strutture che trovano spazio nel quartiere”.

Leggi anche:  Annata storica per i funghi sul nostro territorio: +50%. Ma anche troppi incidenti e intossicati

Pulizia della vasca di contenimento del torrente Caldone

“Tra gli impegni che ci siamo presi c’è quello di effettuare la pulizia della vasca di contenimento del torrente Caldone, del quale si è parlato anche in funzione del progetto “sassi gialli”, un monitoraggio costante e puntuale de corso d’acqua, funzionale alla prevenzione dei rischi idrogeologici, condotto dagli esperti del Polo di Lecco del Politecnico di Milano” prosegue il sindaco.

Il nuovo appuntamento

“A Laorca, mercoledì prossimo, si parlerà di Laorca Lab, il progetto di riutilizzo partecipato dell’ex scuola elementare del rione, dei lavori alla scuola dell’infanzia Pietro Barone, che apre i suoi cancelli e il suo cortile al quartiere, anche in sinergia con la Casa della Solidarietà e della Terza età di San Giovanni e del fondo di comunità promosso dalla scuola e dalla parrocchia con il sostegno della Fondazione Comunitaria del Lecchese, che servirà a finanziare i progetti comunitari nel quartiere” conclude Brivio.