Stefano Prandini si qualifica ai Mondiali Ironman.

Stefano Prandini si qualifica ai Mondiali Ironman

Trasferta in Sudafrica da incorniciare per Stefano Prandini. Il 32enne atleta della 3Life ha infatti chiuso l’IronMan di Port Elizabeth con il tempo di 9h23.59, riuscendo a centrare la qualificazione per i Campionati Mondiali di specialità che si terranno il 13 ottobre a Kona. Per Stefano 33° posto maschile e ottavo di categoria tra gli M30-34.

“Ci ho messo la testa, non ho mai mollato”

«Ho iniziato a preparare questa gara a dicembre. – Racconta Prandini – In gara mi sono prefissato di gestirmi il più possibile. La frazione a nuoto l’ho condotta sempre al risparmio, aiutato dal mare calmo, e cercando gruppi che avessero il mio ritmo. Nella frazione ciclistica pensavo solo a me stesso senza “rispondere” ai sorpassi. Il vento al secondo giro mi ha comunque consumato. La frazione di corsa è quella sempre decisiva, il caldo si è fatto sentire, ma i consigli di Claudio Oriana mi hanno aiutato. Questa volta ho voluto metterci la testa, senza mollare alla prima sfortuna o difficoltà».

Leggi anche:  Anche gli oggionesi al il Torneo di rugby più alto d’Europa FOTO

I suoi parziali: “Ora mi godo la famiglia”

Nel dettaglio Stefano ha completato i primi 3,9 chilometri a nuoto in 56.43, la seconda frazione in bici di 180,2 chilometri in 5:04.51 e infine la maratona a piedi di 42,2 chilometri in 3:15.49. Prestazioni che gli hanno regalato il tanto sospirato pass per Kona: «La qualificazione per il Mondiale la inseguivo da tempo e non posso che esserne felicissimo. Ora ho solo voglia di godermi mia moglie Caterina e i miei Tommaso e Filippo, sono loro a fare i veri sacrifici!»