Cosa accade quando si usano troppo smartphone e videogiochi? Attenzione agli abusi della tecnologia sulla nostra vita quotidiana: esagerare con smartphone e computer può causare conseguenze psichiche e comportamentali, soprattutto nei ragazzi adolescenti. Non si tratta di un allarme da retrogradi, ma della realtà dei fatti cui è giunta la ricerca scientifica nel campo della neuropsichiatria analizzando un ampio paniere di giovani in età compresa fra i 12 e i 25 anni. Solo a Milano e provincia sono circa 40mila i ragazzi che si dicono insoddisfatti della propria vita. E un po’ di più sono quelli che manifestano disturbi d’ansia e depressione.

Cosa accade quando si usano troppo smartphone e videogiochi?

Le «nuove droghe» che minacciano le notti dei nostri figli sono anche Internet, social network, smartphone e videogiochi: un «bombardamento» di stimoli che può sviluppare dipendenze e che tiene in costante stato di allerta i ragazzi. Essi una notte su dieci dormono meno di 6 ore mentre la media per chi ha questa età dovrebbe essere di circa 8 ore. Questa «insonnia tecnologica» mette a repentaglio lo sviluppo del loro cervello e, se c’è una predisposizione latente, li espone al rischio di disturbi psichici. Cosa accade quando si usano troppo smartphone e videogiochi?

Leggi anche:  Disturbi della deambulazione degli anziani, ecco cosa fare

Disturbi del sonno

Lo hanno spiegato bene il professor Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze e salute mentale del Fatebenefratelli-Sacco di Milano e lo psichiatra Gianni Migliarese, autore di «La salute psichica in adolescenza». Secondo i due luminari, «studi su campioni ampi hanno trovato una forte correlazione tra disturbi del sonno (quantità, qualità, sonnolenza diurna) e utilizzo di smartphone e social network soprattutto nelle ore serali». L’insonnia poi potrebbe agire da detonatore ampliando la vulnerabilità individuale a differenti patologie psichiche, tra cui depressione e impulsività. Soluzioni? Tanto per cominciare evitare l’uso di smartphone nelle ore serali e dopocena. Quindi aumentare le ore di sonno soprattutto nella fascia di età compresa fra i 14 e i 20 anni.