Perché si è scelto di far cadere la raccolta del sacco grigio da settimanale a quindicinale non tenendo conto delle difficoltà di tenere in casa per ben due settimane i rifiuti? Perché non si sono date informazioni adeguate e tempestive sulla scelta fatta dall’Amministrazione alla cittadinanza? Sono queste alcune delle domande sulla raccolta rifiuti che Movimento 5 Stelle Merate pone pubblicamente al Comune.

Movimento 5 Stelle Merate interviene sui rifiuti

I grillini meratesi ricostruiscono la situazione della raccolta differenziata e i cambiamenti che sono stati introdotti. Cambiamenti che, a loro avviso, noncreato una situazione migliore. “Le cose che non tornano sono molte, troppe” si legge in una nota del Ms meratese. “La raccolta dei rifiuti fino a dicembre aveva una sua logica. Permetteva a tutti i cittadini di organizzare i loro bidoni o sacchi all’interno dei loro appartamenti. Se si selezionava male qualche oggetto che finiva nel sacco non dovuto, nel ritiro vi era una accettabile tolleranza. Grazie ad una precisa informazione, nel breve tempo,  si sarebbero potuto correggere gli errori dei cittadini,  tra l’altro già da tempo  noti a chi ha sempre ritirato i sacchi. Questo semplice “esercizio“ avrebbe  aiutato tutti noi ad avvicinarci al nuovo sistema senza difetto, abbassando gli errori il più possibile”.

I cambiamenti

“Invece, da Gennaio con i sacchi viola la tolleranza è svanita completamente” si legge ancora nella nota dei pentastellati brianzoli. “Non vengono quasi più ritirati con la scusa della non conformità. Basta che vi sia un coriandolo di carta al loro interno per non venir ritirati e giacere in strada per giorni. E, ancor più grave, a ciò si aggiunge il fatto che i sacchi viola vengono ritirati con i sacchi grigi vanificando gli sforzi di tutti noi di fare la raccolta differenziata”.

I questiti

Ecco quindi altri questiti posti dai “grillini! all’mministrazione meratese

  • Perché non vengono ritirati i sacchi viola che hanno al loro interno soltanto un coriandolo di carta, mentre fino al 31 dicembre dell’anno appena passato questo piccolo errore era concesso?
  • Come mai viene vanificata la fatica dei cittadini nel selezionare i rifiuti del sacco viola per poi vederli ritirati come dei sacchi grigi?
  • Dove vanno a finire questi sacchi?
Leggi anche:  Disoccupato a 58 anni: "Per le imprese sono un fantasma"

 

Domande anche sui sacchi grigi

  • Come mai, anche se si continua erroneamente a deporre sacchi grigi contenenti bottiglie di plastica, lattine, carta e addirittura rifiuti di cibo, vengono ritirati dagli addetti senza nessun problema?
  • Come mai tanto leggerezza nel ritiro?
  • Dove vanno a finire questi sacchi

L’appalto per la raccolta

E ancora: “Ci risulta che l’appalto 2018 della raccolta differenziata farà risparmiare circa 250 mila euro all’Amministrazione comunale e che tale somma sia stata accantonata nel bilancio comunale”. A prima vista, fanno notare i Cinque Stelle, pare una buona notizia, ma  secondo loro anche qui, molte cose non tornano. In primo luogo, la frequenza del ritiro della frazione riciclabile è passata da settimanale a bisettimanale. E tuttavia i cittadi non godono di alcuno sconto sulla tassa rifiuti. “Di fatto, quindi, i meratesi oggi pagano uguale, hanno più incombenze e si ritrovano la spazzatura nelle proprie abitazioni per un tempo più lungo. Ma non finisce qui, perché pare che l’Amministrazione stia pensando di implementare il servizio ripristinando la cadenza settimanale di raccolta dei sacchi viola utilizzando l’accantonamento che deriverà dal risparmio dei citati 250 mila euro. Come dire, cornuti e mazziati. Chiediamo pertanto all’Amministrazione: è vero che il risparmio ottenuto sarà comunque utilizzato per acquistare servizi dal gestore della raccolta dei rifiuti? Il Comune aumenterà la tariffa ai cittadini per incrementare il servizio temporaneo di raccolta come avvenuto a Lecco?”