“A bocce ferme, visti gli esiti delle urne, vorrei con queste semplici ma sincere parole ringraziare tutti gli elettori”. Il sindaco di Abbadia Cristina Bartesaghi, reduce dalla maratona elettorale, commenta lucidamente il risultato del Partito Democratico alle elezioni politiche 2018. Bartesaghi, candidata al Senato non ha staccato un biglietto per Roma, ma non si piange addosso. Anzi.  “Mi ero ripromessa di giocare per la squadra e così é stato. Non sono stata eletta, ma con il sostegno di molti elettori ho alzato un po’ l’asticella della media nazionale”.

Elezioni Politiche 2018: il punto di Cristina Bartesaghi

“Grazie a chi ha votato Partito Democratico e ha creduto, nonostante tutto, nel progetto di un’Italia più giusta, più solidale, più forte contro la tentazione di ricercare ciò che pare più sicuro, conveniente, popolare” sottolinea il sindaco di Abbadia. “Grazie a chi ha votato scegliendo il mio nome (e non sono stati pochi), tutte persone che mi hanno dato fiducia perché forse le ho incontrate, ho lavorato con loro, amici, parenti, conoscenti… con cui ho condiviso passione e dedizione per la comunità”.

Il futuro

“A noi donne e uomini del Partito Democratico auguro di fermarci un attimo, riflettere, rifuggendo dalla logica delle ritorsioni e delle accuse che lasciano il tempo che trovano e non costruiscono per prepararci, perché no?, ad un periodo di sana opposizione”. E i vincenti? “Alle forze politiche che hanno ottenuto dagli italiani il mandato di governare… che lo facciano… senza cercare alibi, perchè tutti sono capaci di amministrare quando si hanno i numeri, ma la sfida é riuscire a farlo cercando mediazioni e costruendo intese comuni”.

Leggi anche:  Olginate, la minoranza "attacca" l'amministrazione

Le Regionali

Politiche a parte Bartesaghi commenta anche i risultati delle elezioni regionali lombarde. “Un grazie a Giorgio Gori e alla sua squadra che hanno lavorato, incontrato territori, parlato con le persone; tutto questo bene non andrà perduto. Ho assistito ad una intervista su LA 7 nel tardo pomeriggio di lunedì. Giorgio Gori come al solito lucido, elegante, propositivo.Attilio Fontana mi é sembrato un poco stravolto; forse si sta rendendo conto della difficoltà nel gestire un gruppo così variegato… tanti auguri e lui e alla Lombardia, ne hanno entrambi bisogno!!! Concludo con un grazie sincero a tutti i volontari che hanno affrontato il freddo per allestire banchetti e distribuire “porta a porta” i depliant, sempre con animo generoso e lieto”.