Costantino Anghileri, candidato alla Camera nel collegio di Lecco per il Movimento Cinque Stelle, pur non essendo stato eletto, esulta per il riusltato ottenuto dai pentastellati, tanto a livello nazionale quanto a livello locale. Di più. Anghileri, nel commentare il risultato delle elezioni proietta già il Movimento Cinque Stelle Lecchese verso la conquista di Palazzo Bovara alla prossime elezioni comunali di Lecco del 2020.

Anghileri M5S

“Campagna elettorale ultimata, voto espresso, elezioni concluse. Siamo orgogliosi e felici di come il Popolo Italiano ha gratificato di consensi il Movimento 5 Stelle” esordisce Anghileri. “Oltre il 32% degli elettori, sia alla Camera che al Senato smentendo lo stereotipo, alimentato dai media, di una dicotomia generazionale, ha scelto e votato il M5S, il suo programma ed i suoi candidati. L’exploit della Lega, imprevedibile in queste dimensioni, ha fatto sì che troppi collegi uninominali nel settentrione sia stati conquistati dal centro-destra, mitigando il nostro successo e rendendo complicata, malgrado le dimensioni del successo, la formazione del nuovo Governo. Confidiamo nella saggezza del Capo dello Stato, e nel senso di responsabilità delle altre forze politiche, perché sia data piena attuazione alla volontà popolare e prevalgano gli interessi del Popolo Italiano rispetto ad opachi giochi di potere e logiche di solo partito”.

L’analisi locale

“Sul piano locale siamo pienamente soddisfatti del risultato del voto. Detto che nel collegio uninominale ove ho concorso ha prevalso l’on. Butti del Centro-Destra a traino leghista, cui va l’augurio sincero di buon lavoro e di rappresentare, con una presenza più assidua, il territorio, le popolazioni lecchesi e le loro problematiche e necessità, il risultato che abbiamo raccolto è particolarmente incoraggiante”. Più che soddisfacente per Anghileri il risultato raggiunto da Maovimento. “19,76 % è una percentuale di consenso inaspettata che avremmo sottoscritto ad inizio campagna. Abbiamo quasi azzerato il gap di una decina di punti che ci divideva dal Centro-Sinistra superando il PD considerato come singola forza. Siamo secondi solo alla Lega in molti dei nostri paesi e città, sempre davanti, con l’eccezione di tre-quattro paesi della Valsassina, a Forza Italia e spesso davanti al PD”.

Leggi anche:  A Germanedo una targa dedicata al V Reggimento alpini

Le prossime elezioni a Lecco

“A Lecco città siamo passati dai 1.700 voti circa delle ultime comunali agli oltre 5.000 raccolti in questa occasione” Anghileri quindi, senza mezzi detmini guarda al Movimento come fututro inquilino d’eccellenza a Palazzo Bovara. Un ottimo viatico in vista del’appuntamento del 2020″.

I voti sul territorio

“Ci siamo radicati nel lago ed in Valsassina dove eravamo quasi sconosciuti e corpi estranei. Siamo oltre il 20% in città importanti del territorio come Calolziocorte, Mandello del Lario e Valmadrera. Vorrei, nell’occasione, sottolineare il risultato e ringraziare, Angelo Baiguini e Manuela Ratti, candidati M5S all’uninominale rispettivamente alla Camera a Merate ed al Senato, per l’intenso lavoro e per l’altrettanto prestigioso ed importante esito ottenuto”.

I ringraziamenti

 

“Un ringraziamento particolare, consentitemelo per tutti gli amici del Movimento lecchese, per il loro costante ed assiduo aiuto e per il lavoro fondamentale, frutto di fatica e sacrifici, fatto nel presidio ai banchetti, nell’organizzazione degli eventi, nell’attacchinaggio e volantinaggio in condizioni climatiche proibitive. Un grazie di cuore a tutti. Un ringraziamento speciale al nostro portavoce territoriale Massimo Riva, con il quale mi sono costantemente confrontato in tutto questo periodo e che aspetto di salutare Sindaco di Lecco nel 2020. Ed un grazie di cuore a tutti voi che da queste pagine mi avete seguito in questa avventura. Spero di non avervi deluso, di essermi dimostrato all’altezza di rappresentare il Movimento, di avervi trasmesso un po’ del mio entusiasmo e convinzione. Ora voltiamo pagina e mettiamoci a lavorare ventre a terra per i prossimi appuntamenti per non sprecare quanto di buono abbiamo seminato e raccolto”.