L’Europa è stata al centro dell importante incontro promosso dai Rotary Club Lecco e Colico e Rotaract con un ospite davvero d’eccezione. Stiamo parlando del professor Roberto Perotti. Il professore è stato  invitato a tenere una lezione sugli equilibri in materia economica e finanziaria nell’Unione Europea.

Europa

2Comprendere appieno la complessità delle relazioni tra Stati europei è possibile solo immedesimandosi con le necessità e i punti di vista dei diversi interlocutori. Ciò  senza arrestarsi a posizioni demagogiche e semplicistiche, perlopiù suggerite da una politica finalizzata al consenso del giorno dopo le elezioni”. Questo il suggerimento proposto ai Soci di RC Lecco e RC Colico da Roberto Perotti. Perotti è  Ordinario di Economia Politica dell’Università Bocconi di Milano. Non solo ma è inoltre consulente delle più importanti istituzioni economiche mondiali.

Il dialogo tra paesi

Una riflessione basata su realismo e competenza, intesa a restituire la situazione attuale secondo tutti i fattori in gioco. Il tutto grazie a ricchezza di esempi e di statistiche capaci di mostrare la complessità del dialogo tra Paesi del Nord Europa e del Sud Europa. Dialogo troppo spesso ostacolato da posizioni pregiudiziali ed ideologiche. “Posizioni promosse da una politica del consenso, incapace di “sacrificarsi” per favorire la crescita e la stabilità anche degli Stati più in difficoltà”.

Il sistema fiscale

Un intricato e propagandistico gioco di potere che, insieme agli oggettivi elementi di crisi degli ultimi anni, va a limitare lo sviluppo dell’unico fattore che, a lungo andare, fa la differenza: la capacità produttiva di uno Stato. E il compito di mettere in campo tutte le risorse ed i provvedimenti utili per uscire dalle nostre criticità non può essere demandato ad altri, che siano altri Paesi europei oppure istituzioni e garanzie mondiali: non ci sono scorciatoie, siamo in primis noi italiani a doverci rimboccare le maniche e mettere in salute i nostri conti pubblici e il nostro sistema fiscale.

Leggi anche:  Federalberghi Lecco, riconfermato il presidente Severino Beri

Francesca Rota

“Anche questo incontro – ha dichiarato Francesca Rota, Presidente di RC Lecco – è motivato dalla volontà di riflettere sulla realtà attuale: solo a partire da una consapevolezza fondata e ragionata della situazione è possibile agire sul territorio, nelle nostre imprese, nei nostri studi professionali e nel rapporto con le istituzioni, in modo veramente proficuo ed utile. Vorrei ringraziare i Presidenti del Rotary Club Colico e del nostro Rotaract per la collaborazione nell’organizzare questi eventi e nella condivisione del proposito di essere sempre più attivi per contribuire alla crescita e al benessere del nostro Lago”.

Curriculum prof. Roberto Perotti

Laureato all’Università Bocconi, ha conseguito il PhD in Economics al MIT di Cambridge, Massachusetts nel 1991.

Dopo 10 anni di insegnamento alla Columbia University di New York (dove ha conseguito la cattedra a vita) e due anni all’European University Institute di Firenze, nel 2005 diventa professore ordinario all’Università Bocconi, dove è anche membro del centro di ricerche IGIER, di cui è stato direttore dal 2006 al 2008.

I suoi interessi scientifici sono prevalentemente in macroeconomia, e in particolare nello studio degli effetti delle politiche di bilancio. È Research Fellow presso il Center for Economic Policy Research (CEPR) di Londra e Research Associate presso il National Bureau of Economic Research (NBER), Usa. È stato consulente del Fondo Monetario Internazionale della Banca Mondiale, della Inter-American Development Bank, della Banca Centrale Europea, e della Banca d’Italia, e Academic Consultant del Federal Reserve Board di Washington. Co-direttore del Journal of the European Economic Association. È stato consigliere economico del Presidente del Consiglio Matteo Renzi dal settembre 2014 al dicembre 2015. È editorialista del Sole 24 Ore. Ha pubblicato “Meno Pensioni, Più Welfare” (Il Mulino, 2002, con Tito Boeri), “L’Università Truccata” (Feltrinelli, 2008) e “Status quo” (Feltrinelli, 2016).